M5S: Renzi vuole sdoganare il clientelismo

di redazione
ipsef

Ilpresidente del Consiglio ‘dimentica’ di dire che tra i poteri affidati da questo Ddl Istruzione ai dirigenti scolastici non è stato ritoccato proprio quello più delicato e pericoloso. La chiamata diretta è uno strumento che rischia di moltiplicare fenomeni di abuso e clientelismo. Altro che sistema aziendale, vogliono estendere  al mondo scolastico quel modellodi corruzione di cui i partiti sono maestri”.

Ilpresidente del Consiglio ‘dimentica’ di dire che tra i poteri affidati da questo Ddl Istruzione ai dirigenti scolastici non è stato ritoccato proprio quello più delicato e pericoloso. La chiamata diretta è uno strumento che rischia di moltiplicare fenomeni di abuso e clientelismo. Altro che sistema aziendale, vogliono estendere  al mondo scolastico quel modellodi corruzione di cui i partiti sono maestri”.

Lo affermano iparlamentari del MoVimento 5 Stelle in commissione Cultura.

“Inoltre, sono glistessi dirigenti scolastici a non condividere questa misura e a dichiararsi contrari ai nuovi poteri che il Governo vuole affidare loro. Esprimono il legittimo timore di trovarsi da un lato isolati e, dall’altro, di essere sottoposti a minacce o pressioni indebite”.

“Anche sui nuovi,ulteriori, benefici concessi alle scuole paritarie il titolare di Palazzo Chigi cerca di distrarre l’attenzione lanciando slogan a vanvera. La detrazione fiscale è, contrariamente a quanto affermato, un punto sostanziale perché si tratta di un tema che attiene alle risorse: esattamente quelle di cui la scuola pubblica statale ha enorme bisogno ma che riceve con il contagocce. Le misure per il contrasto dei diplomifici poi, a nostro parere non sono sufficientemente stringenti”.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione