M5S: noi al Governo, prossimo anno scolastico deve iniziare regolarmente

di redazione
ipsef

item-thumbnail

I parlamentari del MoVimento 5 Stelle che si occupano dei temi legati alla scuola hanno incontrato oggi una delegazione di insegnanti di infanzia e primaria, in sciopero contro la sentenza del Consiglio di Stato che nega l’inserimento nelle Graduatorie ad esaurimento e per scongiurare i licenziamenti degli assunti con riserva.

SCUOLA: M5S AL GOVERNO, BASTA SCARICABARILE SULLA PELLE DEI DOCENTI PRECARI

“Basta scaricabarile sulla pelle dei docenti precari della scuola dell’infanzia e della primaria: il governo ha la responsabilità di trovare una soluzione che garantisca il regolare avvio dell’anno scolastico e dia una risposta alle criticità legate al precariato”. Lo affermano i parlamentari del MoVimento 5 Stelle che si occupano dei temi legati alla scuola e che oggi hanno incontrato il coordinamento dei docenti diplomati magistrali che rischiano di perdere il posto di lavoro e da giorni sono in sciopero della fame davanti al Ministero dell’Istruzione.

Dal Miur sembrerebbe arrivare un’apertura su una possibile tutela dei diplomati magistrali già assunti in ruolo e che da anni svolgono attività didattica nelle nostre scuole e i laureati in scienze della formazione primaria. Ci auguriamo che questa strada venga effettivamente percorsa e che il Ministero passi dalle parole ai fatti, trovando una soluzione che tenga conto di tutte le legittime esigenze dell’eterogeneo mondo del precariato”.

“Nel frattempo stiamo lavorando ad un’interrogazione in cui chiediamo al governo di garantire la regolarità dell’avvio del prossimo anno scolastico. Ribadiamo che al precariato bisogna dare una risposta unitaria, non penalizzando nessuna delle categorie di docenti precari in campo, per questo è  prioritario avviare una fase di reclutamento per la scuola dell’infanzia e la scuola primaria su tutti i posti vacanti e disponibili” concludono. “

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione