M5S, Disabilità: I diritti vengono prima della legge di bilancio

Stampa

M5S – Con la sentenza n.275/2016, la Consulta ha riconosciuto che le garanzie minime per rendere effettivo il diritto allo studio e all’educazione degli alunni disabili non può essere condizionato da motivi di bilancio.

Non si tratta del primo pronunciamento di questo tipo e conferma una linea che sposiamo e che abbiamo sempre sostenuto: il bilancio deve essere al servizio dei cittadini, non il contrario”.

Lo affermano i deputati del MoVimento 5 Stelle in commissione Affari sociali commentando la sentenza relativa a una controversia tra Regione Abruzzo e Provincia di Pescara per quanto concerne il servizio di trasporto scolastico dei disabili. La Regione Abruzzo aveva negato in parte il finanziamento del 50% per il servizio trasporto degli studenti disabili alla Provincia di Pescara perché tale erogazione era prevista “nei limiti della disponibilità finanziaria determinata dalle annuali leggi di bilancio e iscritta sul pertinente capitolo di spesa”.

“La cosa controversia che ha riguardato la regione Abruzzo – aggiungono i deputati – non costituisce un caso isolato. anzi, è un problema che riguarda molte regioni italiane e che si ripropone sistematicamente ogni anno. Noi abbiamo sollevato la questione in tutte le sedi ma, al momento di rilevare la responsabilità, ci siamo trovati di fronte al solito scaricabarile. Questa sentenza dà ancor più forza al nostro impegno, ai nostri atti parlamentari e rappresenta un precedente che non potrà essere ignorato”.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur