M5S Camera. PdL per insegnamento e uso LIS

di Lalla
ipsef

Ufficio stampa MoVimento 5 Stelle Camera – Il 2 agosto scorso è stata deposita alla Camera la proposta di legge del MoVimento 5 Stelle, a prima firma Francesco D’Uva, inerente il “Riconoscimento della lingua dei segni italiana e disposizioni concernenti il suo insegnamento e l’impiego di essa nelle scuole, nelle università e presso le pubbliche amministrazioni”

Ufficio stampa MoVimento 5 Stelle Camera – Il 2 agosto scorso è stata deposita alla Camera la proposta di legge del MoVimento 5 Stelle, a prima firma Francesco D’Uva, inerente il “Riconoscimento della lingua dei segni italiana e disposizioni concernenti il suo insegnamento e l’impiego di essa nelle scuole, nelle università e presso le pubbliche amministrazioni”

“Con questa proposta di legge si vuole far rispettare pienamente l’Articolo 3 della Costituzione – afferma D’Uva -, garantendo anche ai non udenti la piena partecipazione alla vita sociale del Paese. Questa una proposta di legge consta di 4 articoli e si pone come obiettivo quello di migliorare le pdl già presentate da altri schieramenti politici a inizio Legislatura. In particolare si prevede l’uso della LIS nelle pubbliche amministrazioni, nelle scuole e nelle università e affronta il tema dell’insegnamento, della diffusione e della promozione della LIS, assicurando al contempo libertà di scelta circa gli strumenti e le forme di comunicazione da usare.

Gli attivisti del MoVimento 5 Stelle di Messina – ricorda D’Uva- sono sempre stati molto sensibili verso questo tema. Non va dimenticato, infatti, che il primo comizio di Beppe Grillo con interprete LIS è avvenuto proprio a Messina, dopo la traversata dello Stretto. L’idea di quel giorno piacque molto e venne usata poi in tutti i comizi successivi e anche per lo Tsunami Tour”.

Versione stampabile
anief anief
soloformazione