M5S. Al Preside Giuliano piace o no La buona Scuola? Il discorso ufficiale e il video di Renzi

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Per la prima volta il M5S presenta un Dirigente Scolastico a capo del Miur, un Preside a capo di una scuola in cui gli studenti non comprano libri ma li realizzano. Dice di lui Di Maio:  è stato chiamato a formare gli altri Dirigenti Scolastici e ha rivoluzionato il concetto di “classe”

IL CASO. AL PRESIDE GIULIANO PIACE O NO LA BUONA SCUOLA?

“Come quel 40% di italiani che lo avevano votato alle Europee, anche Salvatore Giuliano si era invaghito delle promesse di Matteo Renzi, ma poi ha visto che tra quel che diceva Renzi e quel che faceva c’era uno spread enorme”. Anche sul fronte scolastico, il segretario dem ed ex premier “aveva promessa una buona scuola ma poi ne è uscita una pessima”. Così Luigi Di Maio oggi ad Agorà su Rai3.

E già ieri sera nel corso della trasmissione Otto e mezzo aveva chiarito che l’adesione del Preside al progetto La Buona Scuola era stata solo iniziale, durante la fase di costruzione della struttura della riforma in qualità di esperto, struttura che – afferma Di Maio – è stata poi rivista e modificata dal governo prima di diventare legge denominata “Buona Scuola”

Per quanto riguarda l’iscrizione all’ANP il Preside aveva già chiarito ieri

“Ci tengo a far sapere inoltre che mi sono dimesso dal sindacato ANP il giorno successivo alla dichiarazione avvenuta in un convegno, dove ANP utilizzava il termine “docente contrastivo” con riferimento ai docenti contrari alla buona scuola. Non scioperai in occasione dello sciopero del 5 maggio contro la 107 poiché coincideva con le prove invalsi. Insieme a tanti docenti e dirigenti sostenemmo che la 107 andava superata”.

Non solo gli insegnanti, ma anche i Dirigenti Scolastici sono contro la Buona Scuola, dice Di Maio nella sua presentazione ufficiale.

Il discorso ufficiale durante la presentazione

Le sue parole

“La Buona Scuola che è uscita non era quella per la quale avevo dato indicazioni nei laboratori, scopro adesso di essere amico di Matteo Renzi, ci saremo parlati complessivamente tre minuti.

Sono stato consigliere per dare indicazioni sulla formazione dei Dirigenti Scolastici.

Ho utilizzato un termine morbido e ho detto “superiamo la Buona Scuola” allora dico “riscriviamola”, salvaguardando le assunzioni già fatte e impegnandoci per un piano pluriennale di assunzioni.”

Ieri sera il Segretario del Partito Democratico ha postato un video in cui il Preside spronava Renzi: “la scuola è con lei” Il video

Scrive Renzi “Se c’è uno che ha fatto la buona scuola, io sono contento da uomo che ha lavorato a queste riforme. Domando: perché tutto questo odio nei confronti delle riforme di questi anni?”.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione