Per l’USR del Friuli Venezia Giulia non ci sono ragioni per opporsi al velo islamico a scuola

Stampa

Pietro Biasiol, dirigente vicario dell’Ufficio scolastico regionale del Friuli Venezia Giulia, non è d'accordo con la presa di posizione del dirigente scolastico che, in provincia di Udine, ha emanato una circolare vietando il velo islamico a scuola, per paura di estendere atteggiamenti razzisti tra gli studenti, dopo che uno studente italiano aveva aggredito uno studente musulmano a scuola, prendendolo anche di mira con insulti razzisti.

Pietro Biasiol, dirigente vicario dell’Ufficio scolastico regionale del Friuli Venezia Giulia, non è d'accordo con la presa di posizione del dirigente scolastico che, in provincia di Udine, ha emanato una circolare vietando il velo islamico a scuola, per paura di estendere atteggiamenti razzisti tra gli studenti, dopo che uno studente italiano aveva aggredito uno studente musulmano a scuola, prendendolo anche di mira con insulti razzisti.

Ecco il testo della circolare dell'USR, riportato dal Messaggero Veneto: "Sono state inviate recentemente a questo Ufficio segnalazioni e domande relative ai casi in cui il carattere pubblico e laico della scuola possa imporre restrizioni alla libertà di manifestare la propria religione o il proprio credo, ad esempio tramite l’uso, durante l’attività scolastica, di segni esteriori o abbigliamento che manifestano un’appartenenza religiosa delle studentesse e degli studenti.

A tale proposito, giova ricordare che dette restrizioni possono essere unicamente quelle previste dalla legge, che si rendano necessarie per la tutela della sicurezza pubblica, dell’ordine pubblico, della morale pubblica o degli altrui diritti e libertà fondamentali.

Non appare sussistano ragioni per opporsi, in generale, all’uso di segni di espressione della propria appartenenza culturale e religiosa che non si pongano in contrasto con l’ordinato svolgimento dell’attività didattica e con il regolare funzionamento della vita scolastica".

Udine. Niente velo in classe, può provocare gesti di razzismo tra studenti

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur