“L’Università che vogliamo”, Associazione per rendere pubblici ricorsi e denunce concorsi universitari

di redazione
ipsef

item-thumbnail

E’ nata l’associazione  no profit “L’Università che vogliamo”, che si propone di rendere noti ricorsi e denunce relativi allo svolgimento dei concorsi in ambito universitario. 

Ne parla “Scuola24 – Il Sole 24ore

Altro obiettivo dell’Associazione è quello di fornire supporto e consulenza, anche legale, ai docenti messi ai margini dall’università.

L’Associazione si è gemellata con l’Osservatorio indipendente dei concorsi universitari.

Il portavoce del nuovo gruppo è Giambattista Scirè, ricercatore di Vittoria (RG), il quale ha vinto un ricorso contro l’esito di un concorso, in seguito al quale un architetto aveva ottenuto la cattedra  storia contemporanea.

Queste le parole di Scirè:

“L’associazione  vuole svolgere una funzione di incentivo nei confronti delle competenti autorità istituzionali, invitandole a censurare certi comportamenti sul piano dell’etica pubblica, oltre a decidere di costituirsi ad adiuvandum nei casi giudiziari più eclatanti e significativi nei ‘concorsi truccati’ che verranno scovati e denunciati”.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione