LUISS e LUMSA, tante Borse di studio per nuove iscrizioni nel 2020/2021

A seguito dell’emergenza Covid-19 e dei suoi effetti purtroppo drammaticamente negativi sul reddito di molti italiani, una delle preoccupazioni che puntano lo sguardo sul prossimo futuro e non soltanto sull’attuale situazione emergenziale riguarda la capacità delle famiglie di sostenere i propri figli nel percorso di istruzione terziario.

La crisi economica che inevitabilmente seguirà quella sanitaria, potrà infatti contribuire a portare molti giovani diplomati a non avvicinarsi all’Università per cercare invece fin da subito lavoro, con conseguenze potenzialmente molto negative sul lungo periodo, se è vero che la dotazione di competenze dei giovani italiani andrebbe a restringersi impoverendo di conseguenza anche l’economia. Per questo motivo, molti Atenei italiani si stanno mettendo in moto per supportare l’iscrizione o la frequenza ai propri corsi di laurea stanziando somme per il supporto allo studio.

È il caso, per esempio, di quanto dichiarato dalla LUISS, Libera Università Internazionale degli Studi Sociali, che ha annunciato nei giorni scorsi l’intenzione di voler incrementare la dotazione di Borse di studio per l’anno accademico 2020/2021. Alle 750 Borse normalmente stanziate dall’Ateneo, se ne aggiungeranno infatti altre 310 destinate in parte alle nuove matricole (100 borse di studio) e in parte agli studenti già iscritti (210). Con questo programma, denominato United for LUISS learning, le Borse di studio stanziate dall’Ateneo romano per il prossimo anno accademico salgono a oltre 1.000.

Sulla stessa lunghezza d’onda un altro Ateneo romano, la LUMSA (Libera Università Maria Santissima Assunta), che ha recentemente bandito un concorso per l’assegnazione di 50 Borse di studio da 1.000 euro da assegnare a diplomandi meritevoli e in condizione economiche svantaggiate che intendano iscriversi a uno dei propri corsi di laurea. Per richiedere la Bvarorsa, in questo caso, c’è tempo fino al 31 agosto 2020.

Segui il nuovo ciclo formativo Eurosofia: “Educazione civica, cittadinanza attiva e cultura della sostenibilità a scuola”