Lotta per i trasferimenti interprovinciali docenti, i sindacati chiariscano propria posizione

WhatsApp
Telegram

comunicato – Stiamo apprendendo in questi giorni che gli esiti degli incontri tra il Ministero e i sindacati relativi alla mobilità 2018 non stanno valutando in forma concreta l’aumento dell’aliquota destinata ai trasferimenti interprovinciali.

SIAMO VERAMENTE MOLTO DELUSI.

Lo scorso 23 agosto c.a., anche a seguito all’incontro avuto con la Dott.ssa Franzese (USR CAMPANIA), avevamo chiesto vivamente l’aumento delle aliquote, in base soprattutto ai dati degli ultimi trasferimenti.

Ricordiamo che per il sostegno nella scuola primaria sono stati dati 96 trasferimenti interprovinciali a fronte di oltre 1.000 assegnazioni provvisorie.

Questi dati dimostrano IN MANIERA LAMPANTE che i conti non tornano. Per garantire ai bimbi napoletani, campani, e di tutto il sud (ovviamente con un occhio di riguardo per i bimbi seguiti dal sostegno, che ancora  più degli altri hanno bisogno di stabili figure di riferimento),

CHIEDIAMO A GRAN VOCE UN AUMENTO DELLE ALIQUOTE DESTINATE AI TRADFERIMENTI INTERPROVINCIALE.

Ciò avrebbe effetti positivi a cascata:
1- Organico stabile nelle scuole meridionali.
2- Rientro in provincia di molti docenti mandati a migliaia di km lontano da casa a causa dell’algoritmo impazzito.
Non riusciamo a capire l’ostinazione del ministero a risolvere gran parte delle problematiche relative ai trasferimenti con un semplice aumento delle aliquote, dal 30 al 50%.

CHIEDIAMO A TUTTE LE SIGLE SINDACALI COINVOLTE, NONCHE’ AL MINISTERO DI RIVEDERE LA PROPRIA POSIZIONE IN MERITO E RIPRISTINARE ADEGUATA GIUSTIZIA NEL DECRETO DI MOBILITA’ 2018

LOTTA PER I TRASFERIMENTI – GRUPPO CAMPANIA

WhatsApp
Telegram

Concorso ordinario secondaria: diventerà annuale. Nessuna prova preselettiva. Eurosofia mette a disposizione i propri esperti