Sallusti: tra gli evasori anche insegnanti che arrotondano magro stipendio

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Alessandro Sallusti, direttore de Il Giornale, di recente nel suo editoriale, ha parlato della lotta all’evasione fiscale. Nel mirino anche insegnanti che arrotondano gli stipendi facendo lavori in nero.

Le stime più aggiornate parlano di otto milioni di persone non in regola con il fisco. Se li arrestiamo tutti bisognerebbe svuotare la Sicilia e la Sardegna per trasformarle in isole penitenziarie, e ancora non basterebbe a contenere tutti i galeotti. Tra i quali ci sarebbero circa due milioni di persone concentrate soprattutto al Sud: insegnanti, statali e operai che arrotondano i magri stipendi con un lavoro in nero (evasione di circa 25 miliardi)” è quanto afferma Alessandro Sallusti nel suo editoriale, come riporta Libero quotidiano.

Secondo il direttore, se si arrestassero tutti gli evasori, si arriverebbe alla cifra di 400 miliardi all’anno di spesa, senza riuscire a recuperarli, visto che chi è in carcere non paga le tasse.

La strada maestra – conclude Sallusti – resta la diminuzione della pressione, investire in scuole, in borse di studio per universitari, nelle famiglie, nel lavoro“.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione