Lorenzoni: “La formazione fa parte del nostro mestiere. Assurdo che i docenti dell’infanzia e primaria siano pagati meno della scuola secondaria”

WhatsApp
Telegram

“Noi abbiamo un problema culturale. Nell’università, se uno studia Fisica, se sceglie didattica della fisica è un problema. Le attività della didattica sono di serie B. Uno può amare la propria disciplina ma poi bisogna saperla proporre e farla laboratorio. Senza una riforma della formazione non può esserci una riforma del reclutamento. Certo, questo comporta tempi più lunghi”.

Lo ha detto Franco Lorenzoni, maestro e fondatore del centro di sperimentazione educativa,  la Casa-laboratorio di Cenci, nel corso del suo intervento su Orizzonte Scuola Tv.

L’insegnante aggiunge: “Non si ha il coraggio di dire che la formazione è obbligatoria. In tutti i mestieri lo è. Noi abbiamo degli insegnanti che possono scegliere di formarsi o meno. Ma non è possibile questo. La formazione fa parte del nostro mestiere“.

Sulla questione dell’insegnamento come scelta di ripiego: “Allora pensiamo bene al tempo di lavoro e al salario. Noi abbiamo un Gap rispetto agli altri Paesi europei rispetto alla considerazione sociale e del salario che è impressionante“.

Inoltre – prosegue Lorenzoni – per me è assurdo che gli insegnanti di scuola dell’infanzia e primaria siano pagati meno dei colleghi di scuola secondaria. E’ contrario a tutti i ragionamenti pedagocigi. Non è che se insegni ai bambini hai bisogno di meno formazione e meno qualità di studi alle spalle rispetto alla scuola media e superiore”.

E ancora: “Mi piacerebbe che negli istituti comprensivi ci fosse parità di salario fra gli insegnanti e siano centri di ricerca. Solo così forse potrebbe cambiare qualcosa“.

RIVEDI LO SPECIALE

WhatsApp
Telegram

Concorso Insegnanti di Religione Cattolica. Scegli il corso specifico di Eurosofia con esempi di unità didattiche. Guarda la demo