L’orario di servizio dei docenti di sostegno

di Lalla
ipsef

Sull'orario di servizio dei docenti di sostegno non esiste una specifica normativa, tuttavia è bene tener presenti alcuni aspetti.

Sull’orario di servizio dei docenti di sostegno non esiste una specifica normativa, tuttavia è bene tener presenti alcuni aspetti.

Chi è il docente di sostegno?

L’insegnante per le attività di sostegno è un insegnante specializzato assegnato alla classe dell’alunno con disabilità per favorirne il processo di integrazione. Non è pertanto l’insegnante dell’alunno con disabilità ma una risorsa professionale assegnata alla classe per rispondere alle maggiori necessità educative che la sua presenza comporta. Le modalità di impiego di questa importante (ma certamente non unica) risorsa per l’integrazione, vengono condivise tra tutti i soggetti coinvolti (scuola, servizi, famiglia) e definite nel Piano Educativo Individualizzato.

L’orario dell’insegnante di sostegno è uguale a quello dei docenti dell’ordine di scuola di servizio.
Scuola dell’infanzia: 25 ore settimanali
Scuola primaria: 22 ore settimanali + 2 ore di programmazione settimanale.
Scuola secondaria di primo grado: 18 ore settimanali

L’attività didattica va contestualizzata al piano educatico individualizzato (PEI) e al progetto di vita dell’allievo.

Ricordiamo che l’orario dei docenti di sostegno non può essere deciso da consigli di classi e commissioni (vedi articolo)

E’ bene che il Consiglio di classe sia al corrente dell’orario del docente di sostegno, che può essere modificato nel corso dell’anno scolastico, per venire incontro alle eventuali esigenze dell’alunno nonchè della classe in cui è inserito.

Versione stampabile
anief banner
soloformazione