Lopalco: “Se chiedessimo ai ragazzi di tornare a scuola senza abbracci e uscite, ritornerebbero in aula lo stesso?”

Stampa

L’assessore alla Regione Puglia, Pierluigi Lopalco, a Radio Capital, fa il punto sulla situazione epidemiologica e non solo. 

“Chiederemo a Speranza nuove misure restrittive per alcune aree della Puglia. Con il passaggio da zona arancione a zona gialla si scatena un sentimento di liberi tutti.  Ma non funziona così, siamo in piena seconda ondata. Alcuni sindaci ci parlano di gente che scende in strada a festeggiare come se avessimo vinto un campionato”. Per Lopalco “non è una buona idea questa distinzione delle regioni per colori. Fino a metà dicembre serve prudenza”.

Tampone prima del cenone

Sulle festività natalizie, Lopalco è chiaro: “Il tampone prima del cenone? Ma neanche per sogno. Non credo che il tampone serva a proteggere i nostri parenti, posso essere negativo ed essere portatore del virus. Capita molto spesso con il tampone antigenico che si può fare in farmacia. Un altro pericolo è il rientro in Puglia per le vacanze di Natale di trentamila persone. Chiederemo a chi rientra di segnalare il ritorno a casa per poter fare subito il tampone”.

Rientro a scuola

L’epidemiologo, infine, sulla richiesta degli alunni di ritornare in aula:  “Se chiedessimo ai ragazzi di tornare a scuola ma senza abbracci, uscite, sigarette tutti insieme, sarebbero pronti a tornare in aula comunque?”.

Covid-19, Lopalco (Regione Puglia): “La scuola è un incubatore di infezione”

Stampa

Tfa sostegno VI ciclo: cosa studiare? Parliamone con gli esperti il 29 luglio