Lombardia a caccia di supplenti: ne mancano 11mila. Tanti non accettano

Stampa
#insegnanti #dad

“Ad oggi circa il 65% dei candidati che ha chiesto questa estate di essere inserito nelle graduatorie provinciali ha rifiutato l’incarico al momento della convocazione”, denuncia Massimiliano Sambruna, Cisl Scuola Lombardia.

Secondo i calcoli fatti da Il Giorno in Lombardia il 70% delle cattedre vacanti sono state coperte da supplenti, ne mancherebbero ancora 11mila. Le situazioni più critiche a Cremona, Brescia, Monza e Brianza e Pavia. E poi c’è il nodo sostegno: mancano almeno 15mila docenti specializzati.

A Milano coperto il 60% delle cattedre. “Tutti in aula, sostegno compreso, entro al massimo venerdì: ci siamo dati queste tempistiche – spiega Sambruna –. Entro domattina (oggi, ndr) si chiuderanno le operazioni alle elementari. Sono arrivati a coprire 6.500 cattedre su 11mila. Ed entro sabato termineranno con tutte le classi di concorso per cominciare col secondo step: sostegno”.

“Alle elementari uno su 4 ha accettato il posto – aggiunge Sambruna -, alle superiori le operazioni sono ancora in corso ma in genere va molto meglio, sappiamo che la percentuale delle rinunce sarà minore. Al momento però solo il 35% dei candidati ha accettato”.

Stampa

Eurosofia: Analisi Comportamentale Applicata (ABA) tra i banchi di scuola. Non perderti questa grande opportunità formativa