Locatelli: “Faremo di tutto per evitare il lockdown nazionale. La scuola sarà l’ultima da sacrificare”

Stampa

“I numeri delle Terapie intensive sono ancora significativamente inferiori agli oltre 4 mila malati di inizio aprile: siamo al 25% di quel picco”, ciò che fa sì che “lo Stato ha attivato ed è in condizione di attivare nuovi posti letto in numero adeguato”: così il presidente del Consiglio superiore di sanità, Franco Locatelli, in un’intervista a Il Fatto Quotidiano.

“L’idea è di arrivare a definire un meccanismo che faccia scattare dei livelli di restrizioni fino alla peggiore ipotesi del lockdown nazionale a cui faremo di tutto per non arrivare“, ha aggiunto, sottolineando che in ogni caso la scuola “sarà l’ultima da sacrificare”.

Nuovo DPCM: verso lezioni online 100% superiori, Primo ciclo in presenza ma stop ad attività sportive

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia