Locatelli (CSS): “Le scuole devono rimanere aperte, trasmissione intra-scolastica è ancora molto limitata”

Stampa

“Non ritengo vi siano elementi che possano indirizzarci a prevedere un prossimo, nuovo lockdown, né tantomeno un lockdown da realizzarsi in un tempo così definito, ma ancora relativamente lontano, quale le festività natalizie”.

Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità (Css) e componente del Comitato tecnico-scientifico (Cts) per l’emergenza coronavirus, non è allarmista e ritiene che si possa ancora invertire la marcia dei contagi da Covid-19.

“Sarà determinante quello che ognuno di noi nei comportamenti individuali sarà in grado di fornire come contributo per evitare che l’incremento di nuovi casi giornalieri assuma un andamento esponenziale sfuggendo al controllo”, è convinto l’esperto intervistato dal ‘Corriere della Sera’.

“Siamo certamente in tempo” per cambiare passo, dice, “ma dipende da come i singoli cittadini e, insieme, come Paese, siamo disposti a fare, perché questo possa avvenire. E’ quindi fondamentale che tutti, nessuno escluso, facciano quanto è nelle proprie possibilità per limitare la diffusione del virus. Non ci possiamo proprio più permettere deviazioni dalle buone regole”, ammonisce.

Ma i trasporti hanno favorito la crescita dell’epidemia? “I mezzi di trasporto, soprattutto in alcune ore del giorno, certamente rappresentano un potenziale luogo dove possono formarsi assembramenti, da evitarsi nel modo più assoluto”, risponde il numero uno del Css.

Tuttavia, aggiunge, “non sono disponibili dati che possano far  ricondurre la modifica del trend della curva dei contagi al loro  utilizzo né, tantomeno, sono stati segnalati focolai. I mezzi di  trasporto offrono un servizio prezioso per il nostro Paese che è  pertanto da preservare. Sono serviti a far ripartire la scuola che è  fondamentale rimanga aperta: la trasmissione intra-scolastica rimane  una dinamica di trasmissione molto limitata. Un ruolo chiave nelle  grandi metropoli è quello dei city mobility manager, che possono trovare soluzioni per incrementare corse e mezzi”.

Stampa

Preparazione concorsi e TFA Sostegno con CFIScuola!