Diventare insegnanti: studio della didattica già all’Università, riforma scuola media e concorsi snelli. Bianchi prepara istruzione post Covid

Stampa

Una riforma del reclutamento per cambiare il volto della scuola. Il ministro Bianchi punta anche sugli insegnanti per dare la svolta all’istruzione post Covid-19.

Allo studio nuove norme per il reclutamento dei docenti, per la formazione iniziale e quella in servizio.  Cambieranno dunque le regole dei concorsi, che dovranno diventare più snelli.

Secondo quanto segnala il Corriere della Sera, per quanto riguarda la formazione degli insegnanti di scuola superiore si sta studiando una riforma del percorso di studi che integri nel percorso universitario anche lo studio della didattica.

Non solo, anche la scuola media è sotto osservazione e allo studio una riforma: “Il percorso di orientamento comincerà dalle medie, è uno strumento per limitare la dispersione scolastica – ha annunciato Bianchi – Non basta occuparsene alla fine delle scuole superiori”.

Addio 24 Cfu? Bianchi punta sulle competenze dei tirocini. Il reclutamento cambierà faccia

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur