Lo sfogo di un docente: “Guadagnati 2100 euro lordi, in tasca solo 934,52 euro. Lo Stato trattiene oltre la metà dei compensi extra”

WhatsApp
Telegram

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di un docente, Fabio Bonasera, in cui racconta di come l’enorme pressione fiscale esercitata dallo Stato penalizzi pesantemente gli insegnanti che lavorano a progetti per avere un compenso extra.

Di seguito il racconto del docente che ci ha inviato la testimonianza:

Su 2.100 euro lordi guadagnati, solo 934,52 sono finiti nelle mie tasche. Lo Stato si è portato via oltre il 50% di quel che mi spettava per un progetto svolto nell’anno scolastico terminato lo scorso giugno. Un metodo medievale che incentiva l’evasione fiscale, piuttosto che scoraggiarla.

Premetto che non sono un manager o un imprenditore dal faraonico conto in banca. Sono un normalissimo docente di scuola superiore che nell’ultima dichiarazione dei redditi ha denunciato un guadagno annuo di 24.260,41 euro lordi. In pratica, appartengo ai penultimi della classe. Il mio scaglione Irpef di riferimento è quello compreso tra i 15mila e i 28mila euro, con un’aliquota pari al 25%.
Durante l’anno scolastico terminato pochi mesi fa, mi sono proposto per un progetto, un cosiddetto Poc, acronimo di programma operativo complementare, finanziato con fondi comunitari: trenta ore di lavoro aggiuntive, remunerate ognuna con 70 euro lordi. Per un totale di 2.100 euro. Un’opportunità professionale ed economica ghiotta, almeno dal mio punto di vista, che oggi, 24 agosto 2023, ha avuto il suo epilogo, quando sul mio conto corrente si è materializzato il compenso netto: 934,52 euro. Nemmeno la metà dei 2.100 euro di cui sopra.

Eppure, per adempiere all’incarico, ho dovuto assumermi personalmente ulteriori spese, oltre a quelle consuete di trasporto. Considerato che risiedo a Messina e i plessi della scuola in cui lavoro hanno sede a Santa Teresa di Riva e Letojanni, dopo l’aumento dell’11% operato all’inizio dell’anno, pago mensilmente 90 euro di abbonamento alle Ferrovie dello Stato italiane. A questo si aggiunga il pranzo. Poiché, noi dipendenti della scuola, non solo apparteniamo al comparto del pubblico impiego con i compensi più bassi – come certificato dalla Tesoreria ello Stato – ma non abbiamo diritto nemmeno ai buoni pasto. Eppure, a dispetto di quel che raccontano le leggende metropolitane, siamo obbligati contrattualmente al rientro pomeridiano per l’attività di programmazione e non solo. Si pensi ai collegi docenti, ai consigli di classe, alle riunioni di dipartimento, al ricevimento dei genitori, agli scrutini. Senza trascurare i corsi di aggiornamento professionale e le varie attività extracurriculari, ormai, all’ordine del giorno.

Tutto questo a spese proprie. Per poi dover fare i conti con un fisco che tiene per sé oltre la metà degli emolumenti. Infatti, la beffa ulteriore è che, delle somme trattenute, solo una minima parte riguarda i contributi previdenziali. Il grosso del malloppo concerne i tributi. Quelli con i quali le istituzioni dovrebbero finanziare la sanità, le reti di trasporto, la stessa istruzione e quant’altro uno Stato civile dovrebbe erogare.

Ora, vivendo a Messina, chiunque può immaginare qualche grande ritorno abbiamo a queste latitudini in termini di servizi. Le cure mediche, se si desidera siano tempestive e di qualità, sono a pagamento. Idem le autostrade, assolutamente indegne di questo nome. La tassa sui rifiuti, malgrado si pratichi la raccolta differenziata, è aumentata. Le strade cittadine sono disseminate di voragini e crateri, con ovvie ripercussioni sugli oneri di manutenzione delle vetture. L’erogazione idrica è da Terzo Mondo. Le scuole sono a dir poco fatiscenti, con gli studenti che fino a poco prima della ripresa delle lezioni non sanno in quali locali potranno esercitare il proprio diritto allo studio.

Non mi dilungo ma mi chiedo come possa lo Stato pensare di combattere così l’evasione fiscale. Con un’inflazione molto vicina al 10%, i sussidi escogitati da Roma – compresi l’assegno unico universale e la recentissima carta “Dedicata a te” – e le misure come l’abbassamento a termine del cuneo fiscale non sono altro che mere illusioni finanziarie. Il cui scopo è esclusivamente quello di non far percepire alla cittadinanza come tutto ciò che viene dato sia poi tolto con gli interessi. L’Italia è il Paese del bollo auto, dell’Imu, del canone tivvù, della revisione obbligatoria degli automezzi, dell’Iva al 22%. Gabelle anacronistiche che, non solo tartassano gli onesti, ma rendono impossibile fare impresa. Gli unici a non avvertirne il peso, nemmeno a dirlo, sono coloro che non le pagano. E che, fra un condono e l’altro, cadono sempre in piedi.

WhatsApp
Telegram

Percorsi abilitanti 30-60 CFU, apertura straordinaria e full immersion nel mese di luglio. Contatta Eurosofia