Lo psicologo Rombo: “La realtà è diventata troppo esigente, nei giovani cresce la paura del fallimento e così lasciano la scuola”

WhatsApp
Telegram

Su Il Secolo XIX c’è spazio per le considerazioni di Fulvio Rombo, uno psicologo specializzato nell’età evolutiva. In provincia di Imperia, si sta verificando un allarmante incremento dei disturbi d’ansia tra bambini e adolescenti, che si manifesta con somatizzazioni, attacchi di panico e un marcato ritiro sociale.

La provincia registra un indice di dispersione scolastica del 22%, significativamente più alto della media ligure (12,9%) e nazionale (11,5%).

Secondo Rombo, le cause di questo fenomeno risiedono nel rapido cambiamento del mondo attuale, che richiede costanti adattamenti e lascia poco spazio per l’elaborazione emotiva. La realtà complessa e competitiva di oggi genera una paura intensa del fallimento e della valutazione altrui, soprattutto nei giovani più sensibili. Questa situazione è paragonabile a un gigantesco “talent show”, dove il giudizio degli altri diventa un fattore di enorme pressione.

La scuola, pur non essendo la fonte diretta dell’ansia, è il luogo dove questa si manifesta con maggiore evidenza. Le dinamiche scolastiche, incentrate sulla competitività e sulla valutazione, possono aggravare un’ansia già preesistente. Rombo suggerisce che per affrontare questa problematica, potrebbero essere necessari percorsi educativi alternativi, più flessibili e accoglienti.

La pandemia di Covid-19 ha lasciato una pesante eredità emotiva, aggravando la situazione. Sebbene il lockdown abbia offerto un temporaneo rifugio dal mondo esterno, il ritorno alla normalità ha intensificato i problemi preesistenti.

I genitori, anche con le migliori intenzioni, possono involontariamente incrementare la pressione emotiva sui loro figli. Questo capovolgimento dei compiti di vita può dar vita a processi disfunzionali all’interno della dinamica familiare.

Rombo evidenzia la necessità di rivedere e ridefinire i concetti di scuola, famiglia e genitorialità. È fondamentale che gli adulti si lascino interrogare dal disagio dei giovani, rispondendo al loro bisogno, talvolta non verbalizzato, di supporto e comprensione. La crisi attuale può trasformarsi in un’opportunità di crescita collettiva, a patto di collaborare e affrontare i problemi senza cadere nel gioco delle colpe.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri