L’istruzione professionale batte i licei: la crisi decide per la ricerca del lavoro

WhatsApp
Telegram

 Red – Aumentano gli iscritti negli istituti  professionali, tengono nei tecnici, calano nei licei: questo sono i dati relativi alle iscrizioni di quest’anno diramate dal MIUR.

 Red – Aumentano gli iscritti negli istituti  professionali, tengono nei tecnici, calano nei licei: questo sono i dati relativi alle iscrizioni di quest’anno diramate dal MIUR.

I professionali aumentano le iscrizioni dell’1,4 per cento  i tecnici  dell’0,4 per cento in più. I licei, che avevano continuato a riempirsi fino al 48,5 per cento dello scorso anno, scendono per la prima volta di quell’1,9 guadagnato dai tecnici e dai professionali, calando al 46,6 per cento.
 
Questi dati sono incoraggianti secondo il sottosegretario Elena Ugolini, che vede nell’istruzione professionale e tecnica la possibilità di trovare più posti di lavoro nelle aziende e nelle officine. Anche la formazione professionale va rafforzata e il decreto semplificazione con l’art.52 va in questa direzione: il prossimo 26 settembre saranno pronte le linee guida. 
 
Per quanto riguarda i licei, al primo posto nella scelta degli studenti resta il liceo scientifico, seguito dal classico, scienze umane, artistico e musicale coreutico.
 
Aumenta anche il numero degli studenti che passa a  7 milioni 862 mila 470 con un aumento di 36 mila 238 tra bambini e ragazzi, divisi in 365.255 classi con 625.878 posti in organico; il 44,2 per cento degli oltre 750.000  studenti di famiglia straniera sono nati in Italia. 
 
Aumenta anche il tempo pieno con 1.284 classi in più.
 
Tutti i dati del MIUR

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito