Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Liquidazione TFS, in quali casi spetta dopo 12 mesi dal compimento dei 67 anni?

WhatsApp
Telegram
TFR

TFS dopo 12 mesi dal compimento dei 67 anni, ma solo in determinati casi.

Il TFS del pubblico impiego necessita di tempi di attesa piuttosto lunghi. E variano anche in base alla motivazione che ha portato alla cessazione del rapporto di lavoro. In alcuni casi è necessario attendere 12 mesi (+90 giorni) altri 24 mesi (+ 90 giorni). Nel caso di pensioni in cumulo o con quota 100 l’attesa è più lunga.

Rispondiamo ad un nostro lettore:

Sto aspettando di ricevere la prima tranche della liquidazione.
Ho compiuto 67 anni il 01/10/2020 e dovrei ricevere il TFS dopo 12 mesi +90gg dal raggiungimento dell’età, quindi in questo periodo.
Ho scritto all’INPS e non ho ricevuto risposta. Ho telefonato e ho ricevuto una risposta generica che mi risulta difficile interpretare.
Ho chiesto ad una persona che ha telefonato alla sede INPS dove giace la mia pratica e le è stato detto che la sede NON LIQUIDA IL TFS DOPO 12 MESI +90GG DAL COMPIMENTO DELL’ETÀ, MA DOPO 24 MESI + 90 GG.
Potrei sapere se questo è legale?
Potreste anche farmi sapere in quale gazzetta ufficiale si trova il passaggio che prevede che il TFS venga liquidato dopo 12 mesi dal raggiungimento dei 67 anni?
Mi dispiace disturbarvi, ma le mail, le telefonate e le richieste non vengono neppure prese in considerazione da alcune sedi INPS.

Quando i mesi di attesa sono 12?

Nella sua mail non specifica con che metodo è andato in pensione. I 12 mesi di attesa dal compimento dei 67 anni, infatti, sono relativi ai pensionati quota 100. In tutti gli altri casi si applica l’attesa dalla cessazione dal servizio. Cerchiamo di capire bene come funziona.

Il decreto 4/2019  all’articolo 23 comma 1 prevede che “il personale degli enti pubblici di ricerca, cui e’ liquidata la pensione quota 100 ai sensi dell’articolo 14, conseguono il riconoscimento dell’indennita’ di fine servizio comunque denominata al momento in cui tale diritto maturerebbe a seguito del raggiungimento dei requisiti di accesso al sistema pensionistico, ai sensi dell’articolo 24 del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, tenuto anche conto di quanto disposto dal comma 12 del medesimo articolo relativamente agli adeguamenti dei requisiti pensionistici alla speranza di vita. “. Tradotto in parole comprensibili, quindi, il TFR spetta nella situazione più conveniente ai lavoratori tra:

  • 12 mesi dopo il raggiungimento dei requisiti di accesso alla pensione di vecchiaia (a cui aggiungere i 90 giorni necessari all’INPS per la gestione della pratica)
  • 24 mesi dopo il raggiungimento prospettico dei requisiti di accesso alla pensione anticipata ordinaria (a cui aggiungere i 90 giorni necessari all’INPS per la gestione della pratica).

Ma questo si applica solo per la quota 100. In tutti gli altri casi, invece, è necessario attendere i 12 mesi dalla cessazione del rapporto di lavoro se si è scelto di pensionarsi con la misura di vecchiaia e 24 mesi dalla cessazione del rapporto di lavoro se si è scelta la formula anticipata (anticipata ordinaria, Ape sociale, opzione donna ecc…). Deve controllare, quindi, sulla sua domanda di pensione quale misura è stata scelta per il pensionamento prima di capire se l’INPS sta facendo un conteggio sbagliato oppure no.

Le ho allegato, in ogni caso, il riferimento normativo per quel che riguarda la quota 100.


Prestito Anticipo TFS fino a €45000 con spread 0,40%
Clicca qui e scopri come chiederlo on line in pochi minuti
Metodo comodo e sicuro anche a distanza!


WhatsApp
Telegram
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur