“L’Intelligenza Artificiale entrerà nelle scuole e cambierà l’insegnamento”, ecco come

WhatsApp
Telegram

L’Intelligenza Artificiale (IA) è pronta a fare il suo ingresso nelle scuole e a rivoluzionare il processo di insegnamento, questo è uno dei principali punti emersi nel recente convegno sull’insegnamento dell’informatica organizzato dall’Accademia dei Lincei. 

Tuttavia, temono dai Lincei, una visione complessiva da parte del governo è fondamentale per guidare questa trasformazione ed è chiaro che dobbiamo prepararci fin da ora all’impatto della disponibilità su larga scala di sistemi generativi in grado di creare e combinare testi, programmi, immagini e soluzioni matematiche.

Un’opportunità da cogliere

Secondo Paolo Atzeni dell’Università Roma Tre e dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale, questi sistemi IA già esistono e sono accessibili a chiunque. La chiave è considerarli come un’opportunità invece di una minaccia. Gli insegnanti non possono più pensare di vietare l’uso di tali sistemi; invece, devono imparare a sostenerli e guidare gli studenti nell’uso responsabile. È importante notare che questi sistemi possono produrre risposte, ma non sempre sono corrette, il che sottolinea l’importanza della preparazione degli insegnanti.

Promuovere corsi di Informatica per gli insegnanti

Uno degli obiettivi principali del convegno dell’Accademia dei Lincei è stato sollecitare la creazione di corsi di informatica specifici per gli insegnanti al fine di promuovere l’insegnamento dell’informatica nelle scuole. Modificare i programmi scolastici è un processo lungo che richiede il coinvolgimento dei docenti e un periodo di sperimentazione. Ad esempio, nel Regno Unito, un’esperienza simile è in corso dal 2005, dimostrando che questo è un campo in cui l’improvvisazione non è efficace e una visione strategica da parte del governo è essenziale.

Un curriculum per l’insegnamento dell’Informatica

Un altro punto affrontato nel convegno è stato la necessità di sviluppare un curriculum completo per l’insegnamento dell’informatica, che tenga conto di tutti i livelli di scuola e delle modalità di organizzazione e attuazione di un cambiamento di questa portata. Questa sfida diventa ancora più rilevante alla luce delle iniziative degli altri Paesi europei. È importante definire chiaramente cosa gli studenti dovrebbero imparare in campo informatico e come questo dovrebbe essere insegnato in modo efficace.

Intelligenza artificiale per la burocrazia e la didattica: ChatGPT e altri strumenti. Corso di formazione

WhatsApp
Telegram

Concorso docenti 2024/25, bando a novembre: cosa studiare e come prepararsi. Corso di formazione, libro “Studio rapido” e simulatore per la prova scritta