LINK. Per il riscatto dell’Università Pubblica, ripartiamo dal diritto allo studio!

di redazione
ipsef

item-thumbnail

LINK – Oggi 9 Novembre alle ore 12.00 nella sala “Caduti di Nassirya” del Senato della Repubblica faremo il punto della situazione circa il diritto allo studio, borse e alloggi insieme al Presidente Nazionale dell’ANDISU Dott. Carmelo Ursino, il Presidente dell’Ente per il diritto allo studio toscano Marco Moretti e Marta Levi, Presidente dell’Ente del diritto allo studio piemontese.

La legge di stabilità prevede risorse ancora insufficienti alla copertura totale delle borse di studio, e ancora lontanissime da quanto servirebbe per garantire l’accesso ai gradi più alti degli studi a tutti e tutte. La nuova normativa IVA taglia pesantemente i bilanci di molti Enti per il diritto allo studio, ed in particolare quelli che, meritoriamente, erogano servizi per il diritto allo studio (mense e alloggi in primis).
Link – Coordinamento Universitario, dopo aver raccolto 57.000 firme e aver presentato alla Camera, insieme a 37 deputati la proposta di legge “All In per il diritto allo studio”, chiede a tutti i senatori di tutti i gruppi di sottoscrivere le medesime proposte in Senato e presentare emendamenti in linea con queste proposte alla Legge di Stabilità (in allegato le proposte puntuali che LINK ha già presentato a tutti i gruppi parlamentari).
E’ necessario finanziare con 200 milioni di euro il Fondo Integrativo Statale, abrogando le superborse, finanziare un piano straordinario per la costruzione e ristrutturazione di edifici da destinare a residenze e mense, ampliare la no tax area fino a 28.000 euro di ISEE verso un’Università gratuita per tutti, creare un fondo da destinare agli Enti per il diritto allo studio per ridurre l’impatto della nuova normativa IVA sui loro bilanci e ampliare residenze e mense per la totalità degli studenti.
Hanno già annunciato la propria partecipazione parlamentari di diversi gruppi politici tra cui: Sinistra Italiana (tra cui Alessia Petraglia), Movimento 5 Stelle (tra cui Francesco D’Uva), PD (Francesco Verducci), MDP (Eleonora Cimbro).

Oltre ai parlamentari dei diversi gruppi politici presenzieranno alla conferenza stampa le tante associazioni e organizzazioni sociali che hanno scelto di lanciare il percorso comune “All In per il diritto allo studio”: Associazione Dottorandi e Dottori di Ricerca Italiani, Africa Insieme, ARCI, Campagna Sbilanciamoci, Cinecittà Bene Comune, Coordinamento Ricercatori e Ricercatrici Non Strutturati, Edizioni dell’Asino, Flc – Cgil Nazionale, Fiom – Cgil Nazionale, Legambiente, Legambiente Scuola e Formazione, Link – Coordinamento Universitario, Lip per una buona scuola per la Repubblica, Lunaria, MGA – Mobilitazione Generale Avvocati, Nigrizia, Proteo Fare Sapere, Rete 29 Aprile, Rete della Conoscenza, Unione degli Studenti, Studenti di Sinistra, Act! – Agire, Costruire,Trasformare, Giovani Comunisti, Lista Sì Toscana a Sinistra, Possibile, Rifondazione Comunista, SEL – Sinistra Italiana, TILT

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione