Link: numero chiuso va superato per tutte le facoltà. Si apra discussione con studenti

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Comunicato Link Coordinamento Universitario –  “Il 12 Novembre si riuniranno le commissioni congiunte Istruzione e Affari sociali della Camera per iniziare a discutere le proposte di legge per rivedere e superare le modalità di accesso ai corsi di Medicina e Chirurgia e affini.”- dichiara Alessio Bottalico, coordinatore nazionale di Link Coordinamento Universitario.

“La discussione sull’abolizione del numero chiuso è fondamentale per la tutela del diritto allo studio di tutte e tutti e per aumentare il numero di laureati nel nostro Paese. Nel caso specifico di Medicina, ciò è anche importante per riparare le gravi mancanze del servizio sanitario nazionale. Se il Governo ha realmente la volontà di garantire il diritto allo studio si inizi una discussione sull’abolizione del numero chiuso in tutti i corsi di laurea e non solo per i corsi di studio di ambito medico-sanitario.”- incalza Alessio Bottalico. “La mancanza di spazi didattici adeguati e messi in sicurezza, connessi alla carenza di docenti e di un piano di reclutamento ampio mettono in evidenza l’importanza di un rifinanziamento massiccio dell’Università, non previsto dall’ultima Legge di Stabilità, che al contrario prevede limitati finanziamenti negli ultimi anni. In tal senso, i fondi per i sussidi ambientalmente dannosi vanno immediatamente aboliti e destinati a finanziare istruzione e ricerca.”

“Un piano serio di rifinanziamento è quanto mai necessario prima di discutere qualsiasi proposta. Inoltre, il “modello alla francese”, previsto dalle proposte di legge attualmente in discussione, non è in grado di superare le criticità del modello attuale, spostando, di fatto, il processo di selezione all’anno successivo al primo. Prima di qualsiasi decisione è fondamentale un confronto continuo con gli studenti e le studentesse, che sono i reali destinatari di questa proposta.”- conclude il coordinatore di Link Coordinamento Universitario.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione