Link: pochi investimenti in legge Bilancio. Il 6 novembre a Torino Assemblea per il Riscatto dell’Università

di redazione
ipsef

comunicato Link Coordinamento Universitario – “Oggi in tutta italia gli studenti si mobilitano per una Legge di Stabilità priva di sufficienti investimenti in istruzione e ricerca, che continua a regalare miliardi alle imprese tramite gli sgravi fiscali e conferma la fallimentare misura del Bonus 500 euro per i diciottenni. Come avvenuto con il Jobs Act gli sgravi fiscali aumenteranno solo il lavoro precario e la disoccupazione giovanile, come evidenziato dagli ultimi dati ISTAT.” dichiara Andrea Torti, Coordinatore Nazionale di Link – Coordinamento Universitario, che continua:

“Nelle ultime settimane abbiamo assistito nelle varie regioni a scorrimenti di graduatorie per borse e residenze, nelle quali moltissimi studenti si sono visti figurare alla voce dell’idoneo non beneficiario, i 10 milioni previsti in Legge di Bilancio sono quindi insufficienti, perchè, come già denunciato (QUI), in ogni caso aumenteranno coloro che pur avendo diritto alla borsa di studio o all’alloggio non li ottengono. I costi e la qualità dei servizi, in primis alloggi e mense, continueranno a peggiorare anche a seguito della nuova normativa IVA che lascia pesanti buchi di bilancio negli Enti per il Diritto allo Studio.

Le università sono sempre più chiuse, di anno in anno il numero di laureati diminuisce, i docenti calano e le aule non bastano. Il sistema universitario sembra reggersi solamente grazie agli oltre 20.000 ricercatori e assegnisti precari e le 1300 assunzioni previste in legge di Stabilità sono insufficienti, servirebbero 20.000 assunzioni per ripristinare il numero dei professori del 2010.”

“Il 6 novembre studenti, professori, dottorandi, ricercatori precari e tecnici amministrativi si incontreranno all’Assemblea Nazionale al Politecnico di Torino per costruire insieme il Riscatto dell’università pubblica e lanciare ulteriori mobilitazioni contro la Legge di Bilancio.” conclude Andrea Torti.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione