Lingua inglese, 150 mln di euro in formazione per migliorare livello docenti

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Test Invalsi d’Inglese deludenti, arriva la formazione “obbligatoria” per i docenti di lingua per migliorare le prestazioni degli studenti.

Inglese, cruccio di molti Ministro. Nonostante le iniziative degli anni passati che hanno visto il tentativo di potenziare l’insegnamento delle lingue con l’introduzione di strumenti, come ad esempio il CLIL, i risultati delle prove Invalsi dello scorso anno scolastico lasciano dubbi sulla loro efficacia.

Se strumenti e metodologie non hanno funzionato, a Viale Trastevere si pensa di cambiare strategia e puntare sulla formazione. E’ lo stesso Ministro che anticipa la volontà di stanziare 150 milioni di euro in PON per una formazione ad hoc per i docenti di lingua inglese.

D’altronde la formazione “obbligatoria” stabilita dalla riforma Buona Scuola non dimentica le competenze di lingua straniera per i docenti di tutti gli ordini di scuola.

Scopo prioritario quello di innalzare il livello di conoscenza delle lingue, soprattutto per quanto riguarda l’insegnamento CLIL per il quale è necessaria una certificazione di livello C1.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione