Lingua friulana a scuola, c’è carenza di docenti: si potranno utilizzare aspiranti insegnanti. Via libera dalla Regione

WhatsApp
Telegram

Via libera all’utilizzo degli aspiranti docenti per l’insegnamento della lingua friulana nelle scuole, figura che si andrà ad affiancare a quella dell’insegnante, già esistente ed operativa.

A dare l’ok a questa modifica del regolamento recante le disposizioni per l’insegnamento della lingua friulana è stata la Giunta regionale approvando, su proposta dell’assessore all’Istruzione Alessia Rosolen, una specifica delibera.

La modifica apportata dall’Esecutivo regionale – ha spiegato Rosolen – si è resa necessaria in quanto, nonostante l’elevato numero di docenti iscritti nell’Elenco regionale, in diversi casi si è verificata l’impossibilità di coprire l’intero fabbisogno di ore di insegnamento per carenza di insegnanti. Con la modifica approvata viene consentito e disciplinato l’utilizzo degli aspiranti docenti, figure che devono essere in possesso dei requisiti richiesti dalla normativa di settore e degli specifici titoli culturali“.

A loro si farà ricorso – ha concluso l’assessore regionale – in caso di comprovata impossibilità a soddisfare il fabbisogno di docenti attraverso gli iscritti nell’elenco regionale, al fine di garantire prioritariamente l’insegnamento della lingua friulana agli alunni le cui famiglie hanno manifestato la volontà di avvalersi di queste ore di lezione“.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur