L’inestimabile patrimonio meteorologico d’Italia rivive grazie agli studenti: oltre 4mila pagine di antichi dati salvati

WhatsApp
Telegram

Il patrimonio storico dei dati meteorologici d’Italia è vasto e inestimabile. Dal 1915, migliaia di stazioni meteorologiche sul territorio hanno raccolto preziose informazioni su precipitazioni e temperature, creando così un archivio di fondamentale importanza per la comprensione dei cambiamenti climatici nel nostro Paese.

Ma questo tesoro, per molto tempo, è rimasto nascosto e in parte inaccessibile a causa della sua conservazione in formato cartaceo.

Questo, fino a quando 350 studenti provenienti da 10 scuole superiori italiane non hanno dato vita a un’opera di digitalizzazione senza precedenti. Come segnala L’Eco di Bergamo, nell’ambito del progetto Cli-DaRe@School, promosso dall’Associazione Italiana di Scienze dell’Atmosfera e Meteorologia, questi studenti hanno salvato da un possibile oblio oltre 4.000 pagine di antichi dati meteorologici.

Il progetto, che ha visto una stretta collaborazione tra le Università di Milano e Trento, il Politecnico di Milano, l’Istituto di Scienze dell’Atmosfera e del Clima del Consiglio Nazionale delle Ricerche, l’Eurac Research e la Società Meteorologica Italiana, ha rappresentato un esempio brillante di come la sinergia tra istituti di ricerca e mondo scolastico possa portare a risultati straordinari.

Il processo non è stato semplice. Dopo un’attenta selezione regionale dei dati da digitalizzare, ogni classe ha ricevuto un insieme di pagine da processare. Una volta completata la digitalizzazione, è iniziata una fase critica di verifica e controllo di qualità, resa possibile grazie all’apporto di laureandi delle Università di Milano e Milano-Bicocca.

Oltre alla mera digitalizzazione, alcuni studenti hanno avuto l’opportunità di proseguire con attività formative approfondite, concentrandosi ad esempio sulla verifica delle coordinate delle stazioni meteorologiche o sulla qualità dei dati acquisiti.

Questo progetto ha non solo salvato una parte vitale della storia meteorologica italiana, ma ha anche fornito ai giovani studenti un’esperienza pratica e formativa nel campo delle scienze dell’atmosfera. Un esempio di come, con la giusta collaborazione, si possa preservare il passato per illuminare il futuro.

WhatsApp
Telegram

Percorsi abilitanti riapertura straordinaria 60 cfu. Scadenza adesioni 24 giugno. Contatta Eurosofia