Linee guida sugli acquisti nelle scuole, il MIUR sta per firmare

di redazione
ipsef

red – Giorno 16, si è svolto al Ministero un incontro con i rappresentati della Direzione del Bilancio sugli acquisti e le forniture, gare e appalti e i rapporti con le banche e le assicurazioni.

red – Giorno 16, si è svolto al Ministero un incontro con i rappresentati della Direzione del Bilancio sugli acquisti e le forniture, gare e appalti e i rapporti con le banche e le assicurazioni.

A darne notizia la UIL scuola che ha presentato le difficoltà incontrate dalle scuole nella gestione degli aspetti amministrativi e contabili, degli acquisti, delle convenzioni e della continua richiesta di dati da parte di soggetti istituzionali diversi dal MIUR.

Dai rappresentanti del MIUR è  stata  fornita una ulteriore informativa sulla direttiva alle scuole sugli acquisti e sull’utilizzo del Mercato Elettronico della P.A. (MePA) che è  il mercato digitale in cui le Amministrazioni devono acquistare –  per valori inferiori alla soglia comunitaria –  i beni e servizi offerti da fornitori abilitati a presentare i propri prodotti sul sistema.

Per le scuole, considerate una articolazione del funzionale del MIUR, la soglia sarà quella fissata in 130mila euro per le amministrazioni statali. Nella direttiva saranno inoltre fornite le indicazioni operative per la gestione degli acquisti da parte del Dirigente, nell’ambito della soglia fissata dal Consiglio di Istituto. La consultazione della vetrina elettronica del MEPA dovrà servire all’acquisizione dei prezzi di riferimento senza prefigurare un obbligo di acquisto attraverso quel canale.

Una particolare attenzione  sarà rivolta alla costituzione di reti di scuole per la formazione di gruppi di acquisto di beni e servizi (convenzioni di cassa, manutenzione attrezzature etc). A questo proposito la UIL Scuola ha chiesto che le necessarie semplificazioni amministrative siano accompagnate dalla attivazione dell’organico funzionale e di rete, dall’istituzione delle figure d’area C e dalla formazione, per fornire quel necessario livello di specializzazione indispensabile per garantire la qualità dei servizi.

I contenuti della direttiva, alla firma del Ministro, saranno esaminati in dettaglio nella prossima riunione.

Versione stampabile
anief
soloformazione