Liceo nel catanese si trasforma in museo: un’aula sarà lo spazio espositivo di antichi reperti

WhatsApp
Telegram

Il liceo Francesco De Sanctis di Paternò, in provincia di Catania, si trasforma per un mese in uno spazio espositivo, per accogliere cinquantacinque reperti – parte di una collezione più ampia – risalenti al VI-III sec. a.C., la cui provenienza è solo ipotetica.

La mostra – Memorie ritrovate – ha un sottotitolo eloquente, si legge su Corriere Etneo: il ruolo della scuola nella promozione del patrimonio culturale. In pratica un manifesto programmatico che dichiara con fermezza il ruolo della scuola nei processi educativi e culturali di una comunità.

Gaetano Galvagno – Presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana – afferma che “scuola, istituzioni e associazionismo, per la prima volta in Sicilia, tra i primi in Italia, insieme per educare, valorizzare e incubare bellezza. Un patto di civiltà per il bene comune. Un investimento per innovare e sperimentare. Un progetto di formazione per gli studenti e di studio per i ricercatori.”;

La dirigente scolastica del liceo De Sanctis, Santa Di Mauro, dice che: “si tratta di un’opportunità, di un’esperienza preziosa, e costituisce certamente un patrimonio sia per i nostri ragazzi, che meritano di essere educati alla bellezza e di fruire del patrimonio culturale, ricchezza del loro territorio, sia per tutto il territorio stesso”.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri