Liceo Made in Italy, anche con un solo alunno indirizzo attivato. E’ polemica

WhatsApp
Telegram

Nonostante l’interesse di un unico studente, il liceo del Made in Italy di Crema aprirà i battenti. Questa scelta del dirigente ha, però, sollevato un ampio dibattito e si è rapidamente trasformata in una questione politica. Il progetto di istituire 92 licei dedicati al Made in Italy è stata un’iniziativa del governo volto a valorizzare l’eccellenza produttiva e culturale italiana, sebbene abbia riscosso un interesse iniziale modesto, con 375 iscrizioni a livello nazionale.

Nonostante l’unico iscritto, la decisione di avviare la classe ha suscitato reazioni. In una comunicazione ufficiale, il Dirigente ha informato che gli studenti dell’indirizzo economico sociale avranno la possibilità di trasferirsi volontariamente o, in alternativa, 24 di loro saranno selezionati casualmente per partecipare al nuovo corso. Questo approccio ha attirato critiche, in particolare dalla senatrice Pd Simona Malpezzi, che ha espresso preoccupazione per la possibile imposizione di tale scelta educativa, anticipando un’interrogazione parlamentare al riguardo.

La decisione ha scatenato un dibattito più ampio sulla proposta educativa del liceo del Made in Italy, considerata da alcuni priva di sostanza e ridotta a mera propaganda. Critiche sono giunte anche da figure politiche locali e nazionali, tra cui Matteo Piloni e Aurora Floridia, evidenziando una percezione di disconnessione tra le esigenze della comunità scolastica e le decisioni dell’amministrazione.

WhatsApp
Telegram

Concorso docenti 2024/25, bando a novembre: cosa studiare e come prepararsi. Webinar Eurosofia di presentazione il 26 luglio ore 17.00