Liceo del Made in Italy, perché non c’è il quadro orario del triennio?

WhatsApp
Telegram

E’ tempo di iscrizioni alla classe prima di ogni grado di scuola: indipendentemente dall’età si tratta di una scelta importante, dalla quale deriveranno conseguenze per la carriera dello studente. Se non tutto si può programmare, certamente la riflessione sulle scelte da compiere aiuta. Per il 2024/25 l’offerta formativa della scuola secondaria di secondo grado si arricchisce di due nuovi percorsi: la filiera formativa tecnico – professionale 4 + 2 e il Liceo del Made in Italy.

Il Liceo del Made in Italy

Il nuovo indirizzo di studi è stato previsto dalla legge 27 dicembre 2023, n. 206.

Il liceo del made in Italy consente di approfondire lo studio dell’economia e del diritto, dedicando anche attenzione anche alle scienze matematiche, fisiche e naturali e all’analisi degli scenari storici, geografici, artistici e culturali che sono alla base del tessuto produttivo del nostro Paese.

La sezione su Unica, la piattaforma dalla quale ci si iscrive

Elenco delle scuole che hanno attivato il Liceo Made in Italy per il 2024/25

Si tratta di 120 indirizzi

Elenco scuole che attivano il liceo del made in Italy

Il quadro orario di biennio e triennio

Per il primo biennio (primo e secondo anno):

Lingua e letteratura italiana: 132
Storia e Geografia: 99
Diritto: 99
Economia politica: 99
Lingua e cultura straniera 1: 99
Lingua e cultura straniera 2: 66
Matematica*: 99
Scienze naturali**: 66
Scienze motorie e sportive: 66
Storia dell’arte: 33
Religione cattolica o Attività alternative: 33
Totale ore: 891
* con Informatica
** Biologia, Chimica, Scienze della Terra

Il quadro orario completo degli insegnamenti e degli specifici risultati di apprendimento verrà definito con uno specifico regolamento.

Sulla mancanza del quadro orario del triennio negli scorsi giorni il Ministro Valditara ha risposto ad una interrogazione in Senato della Senatrice PD Cecilia D’Elia.

Questa la risposta del Ministro

“Gli obiettivi formativi e i contenuti qualificanti di questo percorso sono ben scolpiti e precisati nella norma di legge, pur essendo stato delineato, al momento, il quadro orario del solo primo biennio: ciò è avvenuto anche in occasione della precedente riforma dei professionali fatta nel 2017 dal Governo di centrosinistra. Questa circostanza è stata resa necessaria – come anche in passato – dalla scelta di intervenire, con il regolamento attuativo, per individuare in tale sede gli accorgimenti e le compensazioni necessarie a garantire integralmente, sottolineo integralmente perché è un nostro punto fermo, gli organici dei docenti”

Non soddisfatta la Senatrice

“Preoccupano le parole del ministro dell’Istruzione e del Merito Valditara, che rispondendo a una nostra interrogazione nel corso del question time al Senato, non ha chiarito quale sarà il futuro dei licei economico-sociali che non hanno aderito al nuovo percorso del liceo definito dal governo Meloni ‘Made in Italy’. Valditara ha indicato in 120 le scuole che hanno aderito al percorso del ‘Liceo per il Made in Italy’, del quale peraltro è stato definito soltanto il biennio, lasciando nell’oscurità i curricula e le classi di concorso per i docenti per il successivo triennio. I licei economico-sociali costituiscono invece un’offerta formativa consolidata. Il futuro di questi istituti non può rimanere oscuro.”

WhatsApp
Telegram

Prova orale concorso docenti secondaria 1° e 2° grado: come affrontarla in maniera efficace. III edizione, con esempi e UdA