Liceo del Made in Italy, in diversi casi nessuna iscrizione a pochi giorni dalla scadenza. Ipotesi posticipo iscrizioni solo per questo indirizzo?

WhatsApp
Telegram

I presidi lo avevano già sottolineato pochi giorni fa. E a quanto pare l’andamento potrebbe essere confermato: il liceo del Made in Italy, la novità prevista per il prossimo anno scolastico, rischia di essere un flop, specialmente in alcuni territori.

Quest’anno le scuole possono decidere di attivare o meno le sezioni Made in Italy insieme al LES, il liceo economico sociale.

A Torino, riferisce Il Corriere di Torino, il Les è offerto da 8 scuole superiori statali e 4 paritarie, 40 in Piemonte. Ma la nota ministeriale per aggiungere il nuovo indirizzo è arrivata molto tardi, lo scorso 28 dicembre, il tempo stringe.

In realtà gli istituti scolastici possono decidere se sostituire il Les con l’indirizzo del Made in Italy, mantenere entrambi i percorsi o non chiedere l’attivazione del nuovo indirizzo. A quanto pare l’ultima opzione sembra la più adottata finora.

Molte le perplessità in proposito, secondo le scuole: l’organico, l’assenza di indicazioni nazionali, l’assenza di libri di testo. E poi il problema pratico, ovvero al corsa contro il tempo.

Nei giorni scorsi avevamo riportato le lamentele di alcuni presidi del milanese che puntavano il dito proprio sulla scarsezza di tempi e chiarezza di tutta la questione, annunciando già che le scuole da loro presiedute non avrebbero attivato quest’anno il liceo del Made in Italy.

Le iscrizioni per il liceo del Made in Italy apriranno il 23 gennaio, attraverso la piattaforma Unica. La nuova proposta formativa si pone come un traguardo significativo nel sistema scolastico italiano, rispondendo alle esigenze di un mercato in continua evoluzione e alla richiesta di competenze specifiche legate al valore del Made in Italy.

NOTA [PDF]

Punti chiave del provvedimento

  • Quadro normativo e orario: Il liceo del made in Italy si inserisce nel sistema dei licei come definito dall’articolo 3 del d.P.R. 15 marzo 2010, n. 89. Un regolamento specifico, da definirsi entro 90 giorni dall’entrata in vigore della legge, stabilirà il quadro orario e i risultati di apprendimento, nel rispetto delle Linee guida per le discipline STEM.
  • Procedura transitoria: In attesa del regolamento, entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge, le scuole che erogano l’opzione economico-sociale del Liceo delle scienze umane possono richiedere l’attivazione delle classi prime del liceo del made in Italy, previo accordo con l’Ufficio Scolastico Regionale e la Regione.
  • Vincoli finanziari e organici: L’attivazione del nuovo percorso liceale dovrà avvenire senza nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica e nel limite delle risorse umane, finanziarie e strumentali esistenti.
  • Richiesta di attivazione: Le scuole interessate devono presentare la loro richiesta di attivazione del liceo del made in Italy entro il 15 gennaio 2024 sia alla Regione che all’Ufficio Scolastico Regionale.
  • Comunicazione dei codici meccanografici: Gli Uffici Scolastici Regionali dovranno comunicare alla DGSIS l’elenco dei codici meccanografici delle scuole autorizzate ad attivare il nuovo indirizzo entro e non oltre il 20 gennaio 2024.
  • Iscrizioni online: A partire dal 23 gennaio 2024, le famiglie potranno selezionare il liceo “Made in Italy” per le iscrizioni online sulla piattaforma UNICA.

Nella legge pubblicata in Gazzetta Ufficiale si specifica che in via transitoria e nelle more dell’adozione del regolamento, la costituzione delle classi prime del percorso liceale del made in Italy può avvenire, su richiesta delle istituzioni scolastiche che erogano l’opzione economico-sociale del percorso del liceo delle scienze umane, e previo accordo tra l’ufficio scolastico regionale e la regione, sulla base del quadro orario del piano degli studi per il primo biennio, subordinatamente alla disponibilità delle occorrenti risorse umane, strumentali e finanziarie, nel limite di quelle disponibili a legislazione vigente nonché all’assenza di esuberi di personale in una o più classi di concorso e, comunque, senza nuovi o maggiora oneri a carico della finanza pubblica.

Le scuole che optano per l’attivazione del liceo “Made in Italy” dovranno rinunciare all’attivazione di un numero corrispondente di classi prime del Liceo delle scienze umane – opzione economico-sociale, mantenendo così l’equilibrio del contingente organico e delle risorse finanziarie.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri