Licei musicali, Anief: taglio ore primo strumento illegittimo, Miur sconfitto in tribunale

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Comunicato Anief – Anche nella nota sugli organici 2018, il Miur aveva previsto per l’insegnamento della materia Esecuzione e interpretazione soltanto un’ora per il primo strumento e un’ora per il secondo strumento mettendo in pratica una decurtazione di un’ora per il primo strumento, cui è andato ad aggiungere un’ora di ascolto musicale.

“In sostanza un’ora di lezione frontale per il primo strumento musicale era stata sostituita dal Ministero dell’Istruzione con un’ora di ascolto – spiega Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal – ma tale “sostituzione” era palesemente illegittima e i nostri legali hanno ribadito in tribunale che la normativa in materia non prevede alcuna ora di “ascolto” nella disciplina “Esecuzione e interpretazione” né evidentemente l’ascolto può essere ricondotto comunque all’esecuzione e all’interpretazione dello strumento musicale”. Le ragioni patrocinate dall’Anief sono state, dunque, nuovamente accolte dal Tribunale Amministrativo che ha ritenuto, anche, irricevibile la motivazione addotta dal Miur sul fatto che la riduzione dell’orario di insegnamento frontale del primo strumento fosse dovuta alle “carenze della dotazione organica che, tuttavia, – si specifica in sentenza – non costituisce una valida motivazione a supporto della scelta di non rispettare il piano di studi predisposto in sede normativa per la sezione musicale dei licei”.

 “La normativa in materia – conclude Pacifico – e, nello specifico, il DPR n. 89/2010 sono chiari nell’attribuire una priorità all’apprendimento tecnico-pratico della musica e nell’individuazione del monte ore specifico per ciascun insegnamento della sezione musicale e sin da subito il nostro sindacato ha denunciato l’illegittimità dell’operato del Miur fornendo supporto legale concreto e gratuito alle famiglie degli alunni interessati. Il Ministero dell’Istruzione non aveva alcuna discrezionalità nella modifica del monte ore e il TAR Lazio lo ha ribadito e ci ha dato nuovamente e pienamente ragione confermando quanto da noi sostenuto nell’interesse del diritto all’istruzione dei tanti alunni iscritti ai licei musicali”. L’Anief, ora, vigilerà perché il Ministero esegua correttamente gli ordini del tribunale e ripristini la seconda ora di esecuzione del primo strumento attivando tutte le procedure utili anche in vista dell’imminente inizio dell’anno scolastico.

16 agosto 2018

Ufficio Stampa Anief

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione