Liceali seguono lezioni su gioco d’azzardo. Federconsumatori interroga il Ministero

Di
Stampa

Si è volto nel Lazio un progetto dal titolo "Gioco lecio", che la Libera Università Internazionale degli Studi Sociali in collaborazione con Confindustria Sistema Gioco Italia ha appena concluso.

Si è volto nel Lazio un progetto dal titolo "Gioco lecio", che la Libera Università Internazionale degli Studi Sociali in collaborazione con Confindustria Sistema Gioco Italia ha appena concluso.

Il progetto ha interessato trenta studenti di dieci tra i più importanti del Lazio, ai quali  è stata offerta la possibilità di confrontarsi con esperti del settore del gioco d’azzardo e di conseguire 4 Crediti Formativi Universitari.

Le lezioni hanno riguardato economia, marketing, diritto, comunicazione e sociologia, tenute da docenti LUISS, rappresentanti di importanti aziende e delle maggiori associazioni a tutela dei consumatori, gli allievi hanno avuto la possibilità di approfondire una tematica molto controversa e di stretta attualità come quella del gioco d’azzardo lecito.

Non sono mancate le critiche. Infatti, Rosario Trafiletti, Presidente di Federconsumatori, ha ammonito "Il fatturato di 90 miliardi delle aziende che gestiscono il gioco, dimostra che vi è una diffusione di massa del fenomeno del gioco d’azzardo a cui segue una crescita di rischi e problemi, testimoniata da oltre un milione di persone in stato di dipendenza da gioco d’azzardo patologico o  rischio di caderci."

Permettere questo tipo di formazione, continua il comunicato di Trafiletti, è come se "si affidasse a Totò Riina la formazione sul contrasto alla mafia!"

"Abbiamo perciò -conclude – chiesto anche attraverso interpellanze di sapere dal Ministro cosa pensa di questa formazione che noi riteniamo insensata e dannosa."

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur