Liceale accoltellato, scendono in campo i suoi professori

WhatsApp
Telegram

Ha destato sdegno e grande commozione il ferimento con venti coltellate del liceale di Napoli da parte di una gang di dodicenni. Ora scendono in campo i docenti del povero ragazzo, che sta lottando tra la vita e la morte.

“Cari colleghi – scrive un docente – il ragazzo in prima pagina accoltellato in via Foria è un mio alunno. Un bravissimo ragazzo, studioso, educato. Un gioiello. È vivo ma in condizioni gravissime e probabilmente riporterà danni neurologici, in quanto ferito da 20 coltellate, di cui una ai polmoni ed un’ altra, l’ultima, alla giugulare. È stato accerchiato e accoltellato da una baby gang, 5 ragazzi di 12-13 anni che, arrestati, sono poi stati riconsegnati alle famiglie perché non perseguibili.

Stiamo organizzando un corteo che da piazza Miracoli giunge alla caserma Garibaldi, dove si è consumato il reato. Invito i colleghi delle superiori, soprattutto quelli in zona, a lasciar partecipare una delegazione di alunni e docenti al corteo. Perché Arturo è alunno di tutte le scuole ed il figlio di tutti. affinché il grido di dolore e di sdegno si elevi a gran voce e da più parti. Nel pomeriggio, le 17 circa, vi sarà anche un sit in davanti a palazzo San Giacomo.

‘’Mi è sembrato di vivere Gomorra sulla mia pelle’’, commenta attonita sulle pagine del Mattino la mamma di Arturo, alunno modello del quarto anno del liceo napoletano, vittima della baby gang.

“Mi mancano le parole per descrivere quello che ho provato quando ho visto mio figlio ferito e insanguinato. No, non dovrebbe accadere mai a nessuno. E allora voglio lanciare un appello: bisogna fermarli a tutti i costi. Vi prego fatelo prima che sia troppo tardi altrimenti avrò difficoltà a continuare a credere nella giustizia e nella legalità. Così come ho sempre insegnato anche a mio figlio».

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno VIII ciclo 2023, diventa docente di sostegno: corso di preparazione, con simulatore per la preselettiva. 100 euro, a richiesta proroga di una settimana