Un libro per parlare di violenza di genere alla Camera dei Deputati: occorre collaborazione tra Stato, famiglie e scuola

di Giulia Boffa
ipsef

GB – E’ stato presentato alla Camera dei Deputati il libro di Cristina Obber, dal titolo ‘La violenza di genere raccontata da chi la subisce e da chi la infligge’,in occasione delle iniziative in occasione della Giornata Mondiale per l’eliminazione della violenza contro le donne, del 25 novembre.

GB – E’ stato presentato alla Camera dei Deputati il libro di Cristina Obber, dal titolo ‘La violenza di genere raccontata da chi la subisce e da chi la infligge’,in occasione delle iniziative in occasione della Giornata Mondiale per l’eliminazione della violenza contro le donne, del 25 novembre.

I dati in Italia sono allarmanti: a fine 2012, i soggetti in carico agli Uffici di Servizio Sociale per i minori per reati a sfondo sessuale erano 1.017, di cui 211 stranieri e 806 italiani. Tra loro, 579 sono colpevoli di violenza sessuale e 328 di violenza sessuale di gruppo.

Di questi 1.017 soggetti, il 42% ha un’età tra i 16 e i 17 anni, il 30% tra i 14 e i 15 anni e il 28% tra i 18 e i 21 anni.Il 90% circa delle violenze sessuali non viene denunciato.

"La politica può e deve fare qualcosa per un fenomeno allarmante – ha detto l’autrice del volume – occorre coinvolgere i centri anti violenza in un progetto che sia davvero incisivo sul fronte della prevenzione e dell’educazione nelle scuole".

La partecipazione è stata bipartisan. Elena Elena Centemero, capogruppo del PdL-FI in Commissione Cultura alla Camera e promotrice dell’iniziativa, ha sottolineato la necessità di interventi di formazione con una stretta collaborazione tra "istituzioni, scuola e famiglie nell’educare i giovani a dare la giusta importanza alla dignità della persona e al valore del proprio corpo", mentre il presidente della Commissione Affari costituzionali della Camera, Francesco Paolo Sisto, si è soffermato sull’esigenza di rivolgersi ai giovani fin dalla più tenera età, evidenziando anche l’opportunità di ragionare sulla diversa rilevanza dei reati: "continuare ad intasare le Aule di Tribunale con reati minori – ha spiegato Sisto – impedisce di dare il giusto rilievo all’azione di contrasto e repressione verso fenomeni come la violenza di genere".

La deputata del Pd Barbara Pollastrini ha parlato di "regressione culturale" dell’Italia, indicando tra i rimedi "la rieducazione, il colloquio con le coscienze maschili, uno sguardo più attento al mondo un piano d’azione concreto, per cui servono maggiori risorse economiche".

L’on. Fabrizia Giuliani, del Pd, ha concluso con una riflessione sulla "diversa cittadinanza" delle donne, osservando come "la violenza di oggi non derivi solo da un residuo del vecchio patriarcato", le sue ragioni sono nuove e "risiedono nel processo di emancipazione delle giovani donne e nella richiesta di rispetto anche nei rapporti relazionali".

Versione stampabile
anief anief voglioinsegnare