Libri di testo non più obbligatori per 5 (o 6) anni

di Lalla
ipsef

red – Il decreto legge n. 179 del 18 ottobre 2012 in materia di misure urgenti per la crescita del Paese, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 19 ottobre 2012, abroga l’articolo 5 del DL 137/2008 che aveva introdotto il vincolo quinquennale (o esennale) delle adozioni dei libri di testo.

red – Il decreto legge n. 179 del 18 ottobre 2012 in materia di misure urgenti per la crescita del Paese, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 19 ottobre 2012, abroga l’articolo 5 del DL 137/2008 che aveva introdotto il vincolo quinquennale (o esennale) delle adozioni dei libri di testo.

DL 137/2008 Art. 5. Adozione dei libri di testo

1. Fermo restando quanto disposto dall’articolo 15 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, i competenti organi scolastici adottano libri di testo in relazione ai quali l’editore si sia impegnato a mantenere invariato il contenuto nel quinquennio, salvo le appendici di aggiornamento eventualmente necessarie da rendere separatamente disponibili. Salva la ricorrenza di specifiche e motivate esigenze, l’adozione dei libri di testo avviene con cadenza quinquennale, a valere per il successivo quinquennio. Il dirigente scolastico vigila affinche’ le delibere del collegio dei docenti concernenti l’adozione dei libri di testo siano assunte nel rispetto delle disposizioni vigenti.

DL n. 179 del 18 ottobre 2012

2. A decorrere dal 1° settembre 2013 è abrogato l’articolo 5 del decreto-legge 1° settembre 2008, n. 137, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 ottobre 2008, n. 169.

Il DL 179/2012

La pagina del Miur dedicata ai Libri di testo

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief voglioinsegnare