Libri scolastici, appello dei consumatori e delle famiglie: “Più detrazioni fiscali in Legge di Bilancio”

WhatsApp
Telegram

Gli attori principali del mondo dell’istruzione e dell’editoria scolastica si uniscono in un fronte compatto, chiedendo al governo una maggiore attenzione verso le famiglie italiane.

Al centro dell’appello, l’aumento dei fondi destinati al diritto allo studio per le famiglie in condizioni di povertà, nonché l’introduzione di detrazioni fiscali per i libri scolastici.

Il messaggio chiaro è che l’istruzione è una priorità, e il sostegno alla formazione è essenziale per il futuro dell’Italia. La richiesta principale è che nella prossima Legge di Bilancio lo stanziamento venga innalzato dagli attuali €133 a almeno €170. Inoltre, si chiede che tutte le famiglie, indipendentemente dal loro reddito, possano beneficiare di una detrazione fiscale per l’acquisto di libri scolastici, paragonabile a quella delle spese mediche.

Queste proposte non sono cadute nel vuoto, avendo ricevuto l’attenzione e il sostegno di figure istituzionali di rilievo come la Sottosegretaria Paola Frassinetti, il Ministro Luca Ciriani e rappresentanti di diverse forze politiche. È significativo notare che tali ipotesi sono state discusse e condivise anche dal Ministero dell’Istruzione e del Merito, consolidando ulteriormente la legittimità delle richieste.

A sottoscrivere l’appello ci sono entità influenti quali il Forum delle Associazioni Familiari, Adiconsum, l’Associazione Italiana Editori (Aie) e altri attori fondamentali della filiera dell’editoria scolastica. La loro voce unita sottolinea l’importanza di questa causa, evidenziando come, nonostante un periodo di risorse limitate, l’investimento nella formazione rappresenti una chiave essenziale per garantire un futuro luminoso all’Italia.

L’apprezzamento è stato espresso anche verso il ministro Giuseppe Valditara per la sua capacità di comprendere e supportare le proposte avanzate dalle associazioni, dimostrando come la collaborazione tra i diversi settori possa davvero fare la differenza per le famiglie e per l’intero Paese.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri