Libri di testo, gli insegnanti li leggono prima di approvarli? Donazzan: troppa approssimazione

di redazione

item-thumbnail

Due errori in un testo di storia. L’assessore all’istruzione della regione Veneto Elena Donazzan stavolta chiama in causa anche il lavoro dei docenti. 

“Caporetto fu lo sfondamento del fronte ad opera dell’Esercito italiano ai danni degli Austriaci. Anche questo si trova nel libro che una nota casa editrice ha ritirato dal commercio dopo il mio intervento e quello della Associazione Nazionale Alpini a seguito della segnalazione di un genitore indignato nel leggere in una didascalia che il Ponte degli Alpini di Bassano si trova sul Piave” afferma l’Assessore.

Il ruolo degli insegnanti

“Lo svarione che ho letto – conclude Donazzan – mi indigna profondamente e torno a chiedermi come vengano selezionati i volumi che sono indicati tra le scelte per il libro di testo obbligatorio. L’editore ha fatto la sua parte e spero non si avvalga più di simili collaboratori, ma sono preoccupata anche per l’approssimazione di chi, invece, dovrebbe essere il primo a vigilare sulla qualità dei testi che dovrebbero aprire le porte della conoscenza ai nostri giovani nelle scuole“.

Versione stampabile
Argomenti:

soloformazione