Libri di testo con riforma costituzionale già approvata, Chimienti (M5S): presenterò interrogazione al Ministro

di redazione

item-thumbnail

L’on. Silvia Chimienti è intervenuta sulla questione relativa ai libri di testo adottati in alcune scuole elementari per le classi quinte, libri in cui si descrive il funzionamento del sistema parlamentare con le modifiche della riforma costituzionale (Senato composto non da membri eletti dal popolo, bensì nominati dalle Regioni), senza attendere gli esiti del prossimo Referendum. 

Libri con la riforma costituzionale già approvata, adottato in alcune quinte elementari

L’Onorevole sottolinea la mancanza di imparzialità da parte degli editori e annuncia che presenterà un’apposita interrogazione al ministro Giannini.

Queste le parole della Chimienti, pubblicate sul suo profilo FB:

“Alcune case editrici di testi scolastici, tra cui “Il Capitello”, inseriscono nei loro manuali e sussidiari per la scuola primaria una visione parziale e scorretta dello stato attuale delle cose in merito all’assetto dello stato e alla Costituzione.

Manca oltre un mese e mezzo al referendum ma questi testi insegnano già ai nostri bambini che “i senatori vengono indicati dalle Regioni”.

Vorrei ricordare a questi editori, che sopravvivono ancora sulle spalle delle famiglie italiane costrette a pagare centinaia di euro l’anno per i libri scolastici dei figli, che la conoscenza e l’imparzialità sono altra cosa e sarebbe loro dovere deontologico garantirle.

Annuncio che presenterò un’interrogazione al ministro Giannini su questa vicenda e aspetto con ansia il prossimo 4 dicembre per poter chiamare direttamente queste case editrici e annunciare loro che la loro previsione e il loro auspicio non sono andati a buon fine poiché gli italiani hanno respinto la riforma.

Al Governo, poi, oltre ad eliminare qualsiasi forma di finanziamento pubblico all’editoria, renderemo i libri scolastici gratuiti e scaricabili da internet e questo vergognoso monopolio finirà.

Il sapere e la conoscenza devono essere liberi, gratuiti e accessibili a tutti.”

Versione stampabile
Argomenti:

soloformazione