Libri “comunisti”: Puglisi regala a Carlucci ‘Fahrenheit 451’ di Bradbury

di redazione
ipsef

Partito Democratico – La responsabile Scuola PD ha consegnato alla deputata Pdl una copia del libro insieme alla richiesta di ritirare la proposta di commissione d’inchiesta sui libri scolastici, "perché i nostri figli non siano costretti a vivere un orrido scenario che speravamo di dover scorgere solo in un libro di fantascienza"

Partito Democratico – La responsabile Scuola PD ha consegnato alla deputata Pdl una copia del libro insieme alla richiesta di ritirare la proposta di commissione d’inchiesta sui libri scolastici, "perché i nostri figli non siano costretti a vivere un orrido scenario che speravamo di dover scorgere solo in un libro di fantascienza"

La Responsabile Scuola del Pd, Francesca Puglisi, è andata agli uffici della Camera a consegnare all’onorevole Gabriella Carlucci, prima firmataria della proposta di una commissione d’inchiesta sui libri di testo scolastici, una copia del libro “Fahrenheit 451” di Ray Bradbury.

Questo il testo della lettera di accompagnamento:

“Gent.ma On.le Carlucci,
voglia accettare in dono una copia di Fahrenheit 451, di Ray Bradbury.

Si tratta di un libro di fantascienza ambientato in un ipotetico futuro in cui leggere libri è considerato un reato. Il protagonista, Guy Montag, lavora nel corpo dei vigili del fuoco, che ha il compito di rintracciare chi si è macchiato del "reato di lettura" e di bruciarne i libri. Tutti i cittadini rispettosi della legge devono utilizzare la televisione per istruirsi, informarsi e per vivere serenamente. La televisione, come elemento ossessivo della società, viene utilizzata dal governo per definire ciò che è giusto e ciò che è sbagliato.

Perché la scuola e la libertà di insegnamento, sancita dalla Costituzione, fa così paura a Lei e al Suo Partito che si chiama Popolo delle libertà?

Le chiediamo quindi di ritirare la Sua proposta di legge, perché i nostri figli non siano costretti a vivere un orrido scenario che speravamo di dover scorgere solo in un libro di fantascienza”.

Versione stampabile
anief
soloformazione