Lezioni di strumento musicale e canto: le scuole preparano saggio di Natale con Orchestra. Genitori possono partecipare in presenza?

WhatsApp
Telegram

L’anno scorso la questione riguardante le lezioni di musica e canto, complice la situazione drammatico-emergenziale da COVID, fu più sentita negli ambienti scolastici tanto che il Ministero emanò una circolare in data 15 settembre 2020 con tutte le indicazioni strategiche per la realizzazione in sicurezza delle lezioni. Quest’anno, ed è un bene, se ne parla meno ma in occasione dell’arrivo a breve delle festività natalizie, il tema è tornato alla ribalta, soprattutto per quanto concerne la musica d’insieme, l’orchestra e l’eventuale Saggio. In pubblico? Streaming? Genitori si, genitori no. Tutte le info.

Anno scolastico 2021/22 – Lezioni di strumento musicale, fiati e canto

Con riferimento alle procedure di sicurezza da applicare durante le lezioni di musica e/o di canto l’unica indicazione ufficiale in merito è la nota del Ministero dell’Istruzione n. 16495 del 15/09/2020. Eccola:

Circolare ministeriale lezioni di canto, musica e danza 15 settembre 2020

Stiamo parlando di più di un anno fa; in un contesto in continua evoluzione. Oggi  (dati al  20/11/2021) tutte le regioni sono in zona bianca.

I dati salienti della nota

Le Istituzioni scolastiche, nella predisposizione delle misure organizzative, assicureranno nello svolgimento delle lezioni di canto e degli strumenti a fiato, oltre le ordinarie misure igieniche (igiene delle mani, igiene quotidiana dei locali della scuola e aerazione frequente secondo le indicazioni previste nella circolare del Ministero della Salute), un aumento significativo del distanziamento interpersonale affinché l’attività didattica possa svolgersi in sicurezza.

In particolare, in caso di utilizzo di strumenti a fiato la distanza interpersonale minima sarà di 1,5 metri; per il docente la distanza minima con la prima fila degli studenti che utilizzano tali strumenti dovrà essere di 2 metri. Le distanze possono essere ridotte solo ricorrendo a barriere fisiche, anche mobili, adeguate a prevenire il contagio tramite droplet. Il docente potrà effettuare lezione senza mascherina qualora sia possibile mantenere una distanza di almeno due metri dagli alunni.

Al termine di ogni lezione in spazi chiusi, la cura dell’igiene ambientale sarà ancora più accurata in considerazione dell’attività svolta. Agli studenti si raccomanda di evitare il contatto fisico, l’uso promiscuo di ogni ausilio (microfono, leggio, spartito, plettro, etc…) e lo scambio degli strumenti musicali che, al termine di ogni lezione, dovranno, come di consueto, essere accuratamente puliti e riposti nelle apposite custodie. Le cautele e le misure di cui sopra sono volte ad assicurare lo svolgimento in sicurezza di attività ordinarie curriculari.

Lezioni di musica d’insieme, ensemble, orchestra anno 2021/22

Sempre nella nota ministeriale del 15 settembre 2020:

Per le lezioni di musica, in considerazione del fatto che tali attività didattiche si svolgono prevalentemente in orario pomeridiano, anche con lezioni individuali o di piccolo gruppo, si avrà cura di privilegiare ambienti di apprendimento ampi
e con possibilità di aerazione frequente e, ove possibile in relazione alle condizioni climatiche, lezioni in spazi esterni. Per quanto riguarda la musica d’insieme, al fine di evitare il più possibile assembramenti, si privilegeranno quelle attività didattiche per ensemble e orchestra da camera. Le misure, ovviamente, diventeranno più stringenti in funzione degli scenari di circolazione del virus.”

Da quanto sopra descritto non vi è un divieto tassativo della possibilità di fare le lezioni o prove orchestrali anche in preparazione del Saggio di Natale. C’è scritto di privilegiare le attività di musica d’insieme per ensemble e orchestra da camera: tradotto significa per gruppi di alunni compresi tra 2/3 e 10/15 unità; ma nulla esclude che se l’istituzione scolastica è provvista di ampi spazi, quali aula magna, auditorium, teatro, palestre, o altre sale simili, l’attività orchestrale possa svolgersi regolarmente. Quindi se l’istituto non sarà in grado di garantire la massima sicurezza, potrà privilegiare per l’appunto attività di musica d’insieme per piccoli gruppi. E ribadiamo, ancora una volta, che la nota ministeriale in oggetto nasceva nel contesto 2020/21.

Saggio di Natale – Orchestra – I genitori potranno assistere in presenza?

L’attività didattica corrispondente al Saggio di Natale ed annesso pubblico/genitori è disciplinata dall’articolo 1, comma 1, del  Decreto-Legge 8 ottobre 2021 , n. 139:

In zona gialla, gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche, locali di intrattenimento e musica dal vivo e in altri locali o spazi anche all’aperto, sono svolti esclusivamente con posti a sedere preassegnati e a condizione che sia assicurato il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro, sia per gli spettatori che non siano abitualmente conviventi, sia per il personale, e l’accesso è consentito esclusivamente ai soggetti muniti di una delle certificazioni verdi COVID-19 di cui all’articolo 9, comma 2. In zona gialla la capienza consentita non può
essere superiore al 50 per cento di quella massima autorizzata”

Abbiamo evidenziato in grassetto le parole che possono tranquillamente riferirsi ai locali scolastici [Aula Magna, Teatro interno alla scuola, Auditorium, Palestra etc] adibiti per l’occasione a concerti, musica dal vivo, intrattenimento. Il Saggio di Natale negli Istituti è sicuramente un’attività didattica corrispondente ad un concerto, a musica dal vivo che intrattiene il pubblico che assiste. Ma c’è di più… A seguire, il Decreto parla di Zona bianca, l’attuale colore che caratterizza tutte le regioni d’Italia:

In zona bianca, l’accesso agli spettacoli di cui al primo periodo è consentito esclusivamente ai soggetti muniti di una delle certificazioni verdi COVID-19 di cui all’articolo 9, comma 2, e la capienza consentita è pari a quella massima autorizzata

Restano sospesi gli spettacoli aperti al pubblico quando non è possibile assicurare il rispetto delle condizioni di cui al presente articolo

Il che significa, se in zona bianca, che l’istituzione scolastica potrà realizzare il Saggio di Natale in presenza, anche in orchestra, aperto al pubblico, a determinate condizioni:

  • Uso della mascherina ove possibile per tutti i musicisti, obbligatorio in luoghi chiusi per docenti, genitori, personale scolastico etc
  • I genitori o personale esterno devono essere in possesso del Green pass per accedere ai locali scolastici
  • Ampi spazi con garanzia del distanziamento di almeno un metro tra i musicisti, non necessariamente tra il pubblico dato che la capienza dei cinema e teatri è al 100%
  • Le misure sanitarie principali: ricambio aria, gel disinfettanti, sanificazione come da circolare del 15 settembre 2020

Nel caso di zona gialla la questione diventa più complicata in quanto la capienza al 100% non è più garantita e si abbassa al 50%; inoltre diventa obbligatorio il distanziamento interpersonale di almeno un metro anche tra gli spettatori [i genitori ad esempio che assistono al Saggio e tutti i componenti del personale scolastico nonché gli studenti che si esibiscono]. Diventa più complicato per le scuole, naturalmente, in quanto devono disporre di spazi enormi.

Una valida alternativa per non ricorrere all’odiato streaming, che per le attività musicali ed efficacia del suono, è deleterio, potrebbe essere quella di effettuare lo stesso saggio in più giorni differenti facendo in modo da contingentare gli ingressi del personale esterno alla scuola/genitori che vuole assistere.

La limitazione delle attività extracurricolari, quali un Saggio di Natale, nelle scuole medie ad indirizzo musicale e nei licei musicali è prevista solo per la zona gialla ed arancione come si può vedere dalle “Indicazioni strategiche ad interim per la prevenzione e il controllo delle infezioni da SARS-CoV-2 in ambito scolastico (a.s. 2021-2022)” a cura del Ministero della Salute, Istituto Superiore della Sanità e dell’INAIL, pagina 39:

Indicazioni strategiche ad interim per la prevenzione e il controllo delle infezioni da SARS-CoV-2 in ambito scolastico (a.s. 2021-2022)

 

Come è possibile vedere dall’immagine, non vi è alcuna X nel riquadro che parla di limitazioni alle attività didattiche extracurricolari. Invece le X sono presenti in corrispondenza della zona gialla ed arancione.

Direttiva dirigenziale riguardante le attività didattiche musicali curricolari ed extracurricolari

É importante, nelle scuole medie ad indirizzo musicale e nei Licei musicali, che il Dirigente scolastico con la collaborazione dell’RSPP e dell’RLS valuti di disporre una direttiva dirigenziale riguardante le lezioni ed in generale le attività didattiche musicali curricolari ed extracurricolari rivolta a tutto il personale scolastico, famiglie e studenti. In alternativa se ben dettagliato può essere sufficiente il Regolamento d’Istituto integrato per emergenza Covid-19 o il Protocollo COVID 19 allegato al Documento di valutazione dei rischi [DVR]. O ancora, è auspicabile che le attività musicali quali concerti, saggi, siano inseriti sotto forma di Progetti di ampliamento dell’offerta formativa all’interno del PTOF, elaborato dal Collegio.

Si ricorda che per tutto il personale scolastico vigono gli obblighi definiti dall’art. 20 del D.Lgs. 81/2008, tra cui, in particolare quelli di “contribuire, insieme al datore di lavoro [Dirigente scolastico], ai dirigenti e ai preposti, all’adempimento degli obblighi previsti a tutela della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro”, di “osservare le disposizioni e le istruzioni impartite dal datore di lavoro […] ai fini della protezione collettiva ed individuale” e di “segnalare immediatamente al datore di lavoro […] qualsiasi eventuale condizione di pericolo di cui vengano a conoscenza.

Conclusioni

Una possibile sintesi può essere esposta in questo modo dal combinato disposto della Circolare del 15 settembre 2020, le indicazioni del Ministero della Salute ed il Decreto Legge n. 139/2021 [dando per assodato il rispetto delle norme di sicurezza COVID sopra esposte]

  • Zona bianca: Spettacolo di Natale e prove/esercitazioni in presenza; genitori/pubblico in presenza ove sia possibile [ampi spazi etc]
  • Zona gialla: Spettacolo di Natale e prove/esercitazioni in presenza; genitori/pubblico in streaming a meno che non si disponga di enormi sale da concerto o come suggerito prima, venga realizzato il medesimo Saggio in più giorni.

Con le regole attuali, in zona arancione è invece prevista la chiusura di teatri, cinema, sale da concerto etc

Le misure di intervento descritte sono da intendersi come delle indicazioni strategiche da tenere in considerazione in una ottica generale e in relazione agli scenari di circolazione virale. Tali misure non tengono conto della variabilità territoriale associata a particolari situazioni locali che, considerando un andamento dinamico nel tempo della diffusione virale, potrebbero venirsi a creare e che necessiterebbero di ulteriori misure cautelative di contrasto e controllo per eventuali focolai epidemici.

Covid, la guardia resta alta, ma niente restrizioni. Si va avanti con le terze dosi, anche per docenti e Ata – Orizzonte Scuola Notizie

Gestione casi covid a scuola, c’è ancora chi usa il vecchio protocollo. E per il referente covid aumenta il carico di lavoro – Orizzonte Scuola Notizie

Docenti di strumento musicale: ultimo alunno assente, il Prof può andare via prima? – Orizzonte Scuola Notizie

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito