L’ex Ministro Berlinguer: “I docenti hanno l’obbligo di vaccinarsi. Chi difende i non vaccinati fa politica da strapazzo”

Stampa

Un duro intervento quello di Luigi Berlinguer, ex ministro dell’istruzione, in merito alle tematiche relativa al ritorno a scuola: dall’obbligo vaccinale alle posizioni dei sindacati. E un invito rivolto a Draghi affinché sia risoluto nelle azioni.

In una intervista a Il Foglio, Berlinguer tuona: “Chi ammicca ai professori no vax non fa altro che politica da strapazzo“.

L’ex Ministro tira in ballo anche i sindacati, che a suo modo di vedere “fanno gli interessi di categoria ma non l’interesse della scuola. Nessuna difficoltà può mettere in discussione il diritto allo studio”.

E ancora:  “L’attività educativa non è un’attività come tante. E’ un’attività primaria. Il Paese è la scuola. La scuola fa il Paese. Gli insegnanti devono essere rispettati, ma devono portare rispetto alla loro professione. Il loro obbligo è nei confronti dei ragazzi. Come si fa a non commuoversi e seguire l’invito di Papa Francesco? Ha detto che vaccinarsi è un atto d’amore. Rimane questa la migliore frase che si potesse rivolgere. Non può che essere l’insegnante il primo a insegnare ‘amore. Perché si è dunque preoccupati?

E sul ritorno a scuola: “Ho come l’impressione che le norme di cui si discute in questi giorni entreranno in vigore a scuola già iniziata. Ma l’orologio scuola è un orologio che non si ferma. E’ qualcosa che viene dimenticato. Stiamo arrivando all’inizio dell’anno scolastico nella confusione e questo non va bene 

Stampa

Nel prossimo incontro de L’Eco digitale di Eurosogia parleremo di: “Il coding nella scuola del primo ciclo: imparare divertendosi”