Lettera Azzolina, Turi attacca: “Solo retorica, la ministra conferma approccio populista”

Stampa

“Una lettera che cerca di trovare le giuste motivazioni per la riapertura delle scuole ma che tuttavia è  piena di retorica, confermando l’approccio populista di chi non si pone mai nelle condizioni di autocritica e cerca di screditare tutto e tutti pensando che la solita pacca sulle spalle sia sufficiente per  risolvere i problemi”.

Così all’Adnkronos, Pino Turi, segretario generale Uil Scuola, commentando la lettera della ministra  dell’Istruzione, Lucia Azzolina, inviata ai docenti e tutto il  personale scolastico.

“Certo, resta un appello al senso di comunità di chi non si sente  parte di essa e non fa giustizia di un atteggiamento che rifiuta il  confronto. – continua Tuti – Le scelte fatte in solitudine  autoreferenziali portano a delle critiche quando non si focalizzano su fatti concreti”.

“Per parte nostra le critiche passate presenti e future saranno sempre sul merito e in funzione della difesa dei diritti dei lavoratori che  sono l’elemento costitutivo di quella comunità educante a cui il  ministro si rivolge chiedendo ancora atti di eroismo. – conclude Turi  – Brecht ce lo ha insegnato: beato quel popolo che non ha bisogno di eroi, magari per qualche giorno”.

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur