Lettera all’On. Manuela Ghizzoni da docente nato nel 1952, “uno di quelli di Quota 96”

di Lalla
ipsef

Pierino G. Docente nato nel 1952 – Gentilissima Manuela Ghizzoni sono un elettore del PD, lo ero dei DS, lo ero del PCI. Sono uno di quelli che con il suo impegno e la sua passione politica, ha consentito a tanta gente di rappresentare sempre più indegnamente, con il passare del tempo, gli ideali di giustizia sociale che mi hanno sempre guidato nella vita quotidiana e che avrei voluto si affermassero politicamente per tutta la società.

Pierino G. Docente nato nel 1952 – Gentilissima Manuela Ghizzoni sono un elettore del PD, lo ero dei DS, lo ero del PCI. Sono uno di quelli che con il suo impegno e la sua passione politica, ha consentito a tanta gente di rappresentare sempre più indegnamente, con il passare del tempo, gli ideali di giustizia sociale che mi hanno sempre guidato nella vita quotidiana e che avrei voluto si affermassero politicamente per tutta la società.

Sono uno di quelli che con la sua passione politica e la sua militanza silenziosa e mai gratificata, ha consentito a tanti incompetenti ed ipocriti di arrivare ai vertici della carriera politica con la bocca piena di paroloni che avevano il potere di rabbonire i creduloni come me. Le loro azioni e le loro determinazioni invece, il più delle volte sortivano effetti contrari che, sommandosi nel tempo, hanno reso sempre più difficile se non impossibile la vita di noi poveri cristi alle prese con quotidiani problemi di sopravvivenza che Voi dicevate di voler combattere ed eliminare ma che non avete mai conosciuto.

Sono uno di quelli, uno dei tanti, che con la loro passione politica e la loro militanza silenziosa, hanno consentito a tanti (sicuramente troppi) di sedere nel Parlamento preoccupati come la sen. Finocchiaro di assonare il colore e la delicatezza dei propri orecchini ai suoi vestiti raffinati, piuttosto che affinare le sue parole e le sue iniziative alle aspettative di chi come me le consentiva di stare lì seduta inutilmente a sparare cazzate; sono uno di quelli che hanno consentito all’on. Bertinotti di fare la carriera e la fine che ha fatto.

Sono uno di quelli che ha lavorato per quaranta e più anni nella scuola, colpevole e complice di questo Stato; che ha continuato a far credere ai suoi allievi che sarebbe stato sufficiente studiare ed impegnarsi per poter contare nella nostra società , mentre dentro di me mi convincevo, con l’andar del tempo, che il nostro sistema sociale produceva e promuoveva sempre più gli inetti e gli incapaci, accreditati solo di referenze politiche, insediandoli per tali meriti nelle poltrone dirigenziali; ragion per cui oggi è molto probabile trovare sulle poltrone più ambite di primari ospedalieri, funzionari pubblici e dirigenti, quasi sempre persone incapaci che nel quotidiano esercizio delle loro funzioni, recano più danni che vantaggi alla società.

Onorevole Ghizzoni

Sono uno di quelli di quota 96 che pure l’ha seguita in questi due anni, convinto di poter raggiungere un risultato che pure mi spettava e che mi era stato negato per ragioni di Stato.

Sono uno di quelli che domani manifesterà la sua rabbia nel presidio di piazza Montecitorio per la soluzione del problema di quota 96.

Ma non si preoccupi . Ne Lei, né i suoi compagni deputati del PD come Boccia, Fassina e tanti altri che pure non hanno rinunciato in questi due anni a dare il loro inutile contributo alla nostra causa.

Non è contro di Voi che protestiamo.

Protestiamo contro noi stessi per non essere stati capaci di avere di avere dei rappresentanti politici degni di rappresentare i nostri ideali.

Protestiamo contro di noi per non essere stati capaci di impedire che i nostri ideali di giustizia sociale fossero calpestati da una classe dirigenziale che pur di sopravvivere finisse per dimenticare le sue origini, la sua provenienza e le sue ragioni.

Protestiamo contro la classe dirigenziale di questo partito che pur di sopravvivere andrà a prendere, con Renzi o qualche altro inutile contenitore mediatico, i voti del nuovo trasformismo pur di sopravvivere, dimenticando le vere ragioni della sua esistenza e del suo essere.

Non si preoccupi on. Ghizzoni. Lo dica pure ai suoi compagni dirigenti. Non protesteremo contro di loro

Protesteremo contro noi stessi !

La soluzione di Quota 96 non sarà contenuta nel prossimo decreto dedicato alla scuola. "Vulnus credibilità PD"

Versione stampabile
anief anief
soloformazione