“Lei è morta, niente pensione”. Inps blocca assegno alla docente, ma lei è viva e vegeta

WhatsApp
Telegram

Una vicenda davvero assurda. Una docente, originaria di un paese del Torinese, andata in pensione diversi anni fa, sta cercando di dimostrare all’Inps di essere viva e vegeta. Per l’ente, la donna di 70 anni è morta e dal luglio le è stata improvvisamente sospesa la pensione.  

Per l’Inps la donna è passata a miglior vita lo scorso 15 giugno. Dopo la scoperta, la donna ha dovuto cercare documenti, tutte pratiche che, al momento, non le hanno permesso di riavere ancora la pensione.

In realtà, ad essere deceduta, è un’omonima della signora, una donna che viveva in una località vicina.

Secondo l’Inps la comunicazione errata è stata fatta dall’Asl To4 che avrebbe trasmesso i dati della persona sbagliata facendo così risultare defunta l’ex docente. La donna, una volta che riuscirà a dimostrare di essere viva, riceverà le mensilità arretrate.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur