In arrivo sciopero virtuale per garantire diritto allo studio

WhatsApp
Telegram

Nella giornata di ieri, come apprendiamo dalla Uil scuola, si è svolto un incontro presso la Commissione di Garanzia sull’attuazione della legge sullo sciopero dei servizi pubblici essenziali.

L’incontro, cui erano presenti sindacati, Aran e Miur, ha avuto per oggetto il codice di autoregolamentazione del diritto di sciopero nella scuola, al fine di dar vita ad un processo di modifica e le problematiche relative all’interruzione del servizio.

In particolare è stata sottolineata la sproporzione esistente tra adesioni allo sciopero, soprattutto nel caso in cui sia proclamato da sigle non rappresentative, e difficoltà a garantire il diritto allo studio degli allievi.

Al riguardo sono state prospettate soluzione innovative, che permetterebbero di garantire il diritto suddetto, come ad esempio lo sciopero virtuale.

Questo il resoconto della Uil:

“Il 24 novembre, presso la Commissione di Garanzia sull’attuazione della legge sullo sciopero dei servizi pubblici essenziali, si è tenuta un’audizione per un preliminare confronto relativo al codice di autoregolamentazione del diritto di sciopero nella scuola, anche alla luce del nuovo comparto di contrattazione, al fine di avviare un processo di revisione. Per la UIL Scuola ha partecipato Pino Turi.

Nel corso dell’audizione in cui erano presenti rappresentati dell’ARAN e del MIUR, si sono affrontati i problemi che si presentano in termini di interruzione del servizio, in occasioni di proclamazione di scioperi, specie dei sindacati non rappresentativi.
In tali circostanze, si registra una sproporzione tra le adesioni allo sciopero, e le difficoltà delle famiglie e degli studenti ad esercitare i loro diritti.

Vista la delicatezza degli argomenti che coinvolgono diritti costituzionalmente tutelati, si è deciso di proseguire con incontri preparatori per definire soluzioni da adottare in occasione dei rinnovi contrattuali che dovranno adottare codice di autoregolamentazione adeguati ai cambiamenti in atto. In particolare, per la UIL, fermo restando il protocollo attuale che garantisce il diritto all’istruzione in relazione alle prestazioni avendo a riferimento l’anno scolastico, si è detta disponibile ad eventuali revisioni in merito a procedure di pubblicità e certezza per le famiglie, sapendo che le questioni sollevate attengono più al livello legislativo e ad un suo adeguamento, che all’autoregolamentazione che è coerente con l’attuale livello normativo.

Ciò che risolverebbe in radice il problema, sarebbe l’introduzione di nuovi e più moderni strumenti come lo sciopero virtuale che eviterebbe il conflitto improprio che ricade sui cittadini e non sulle amministrazioni inadempienti, accompagnato da diverse e più incisive azioni di conciliazioni tese a prevenire che i conflitti sfocino in azioni di sciopero, in particolare per le vertenze che coinvolgono le singole scuole.”

WhatsApp
Telegram

Concorso per dirigenti scolastici. Corso preparazione: 285 ore di lezione, simulatore Edises con 14mila quiz e modulo informatica. Nuova offerta a 299 euro