Legge di stabilità. Gilda: no a lavoro gratis per commissari interni maturità

Messaggio sponsorizzato

Ufficio Stampa Gilda degli Insegnanti – “Sarebbe intollerabile impiegare a costo zero i commissari interni per la Maturità. Secondo le anticipazioni riguardanti la Legge di Stabilità approvata ieri sera dal Consiglio dei Ministri, il Governo risparmierebbe 147 milioni di euro modificando l'Esame di Stato ma sulle spalle, ancora una volta, dei docenti”. Così la Gilda degli Insegnanti commenta la misura prevista dalla manovra finanziaria per il comparto scuola.

Ufficio Stampa Gilda degli Insegnanti – “Sarebbe intollerabile impiegare a costo zero i commissari interni per la Maturità. Secondo le anticipazioni riguardanti la Legge di Stabilità approvata ieri sera dal Consiglio dei Ministri, il Governo risparmierebbe 147 milioni di euro modificando l'Esame di Stato ma sulle spalle, ancora una volta, dei docenti”. Così la Gilda degli Insegnanti commenta la misura prevista dalla manovra finanziaria per il comparto scuola.

“Non è possibile che l'assunzione dei precari, cosa buona e giusta alla quale però il Governo è costretto dalla Corte di giustizia europea, debba essere pagata prima dal taglio degli scatti di anzianità e delle supplenze e adesso anche dalla modifica dell'esame di Maturità.

Gli insegnanti impegnati nelle commissioni dovrebbero dunque lavorare senza ricevere alcun compenso aggiuntivo o indennità, mentre una parte dei soldi così risparmiati, ben 200 milioni, verrebbe destinata alle scuole paritarie”.

“Chiediamo che il Parlamento cambi questa parte della Legge di Stabilità – conclude la Gilda – dimostrando così l'interesse per l'istruzione che deve contraddistinguere un paese civile e che ha a cuore il futuro della nazione e dei giovani”.

Legge di Stabilità. Esami di maturità 2015: nessun compenso per i commissari interni

Versione stampabile