Legge di Bilancio, si tratta: 110 milioni in più sul fondo per la valorizzazione della professione docente. Salta ‘premio alla dedizione’

WhatsApp
Telegram

Legge di Bilancio, si tratta. Continua il braccio di ferro tra le varie anime che compongono l’attuale maggioranza di governo.

C’è speranza di vedere qualche ritocco anche sulla scuola. Il tempo stringe, mancano due settimane alla fine dell’anno e per evitare l’esercizio provvisorio (qualora la manovra non venisse approvata entro il 31 dicembre 2021) bisogna fare in fretta. Il provvedimento è ancora in Commissione Bilancio al Senato, poi dovrà andare in aula, a Palazzo Madama. Tutto dovrebbe concludersi entro Natale, poi un passaggio veloce alla Camera per l’approvazione, a meno di clamorosi risvolti, entro il 30-31 dicembre.

Come detto, si attendono novità sul fronte della scuola. In particolare sul fronte dei contratti Covid. Come è noto nel disegno di legge si parla solo di docenti, ma pare che ci sia arrivati ad un accordo per ampliare l’organico per far fronte all’emergenza Covid anche per gli Ata. L’emendamento, che deve essere votato in Commissione, prevede uno stanziamento di 200 milioni di euro.

Altra situazione spinosa riguarda il fondo per il miglioramento dell’offerta formativa dedicata alla valorizzazione della professionalità dei docenti della scuola statale. Secondo Italia Oggi sarà incrementato di 110 milioni in più rispetto al disegno originale (260 milioni). L’emendamento è frutto di un accordo politico tra PD, M5S e Leu. La proposta sarebbe all’interno di un pacchetto di modifiche sul fronte scuola a firma del relatore di maggioranza della legge di Bilancio.

La modifica, secondo quanto raccolto, prevede la cancellazione della destinazione d’uso diretta a premiare “la dedizione” degli insegnanti, l’impegno nella promozione della comunità scolastica. Lo stanziamento di 110 milioni di euro consentirà di ampliare la platea di coloro che potranno accedere all’accessorio per la valorizzazione professionale.

Attenzione, però: tutto questo è ancora al vaglio del Ministero dell’Economia che deve verificare l’effettiva fattibilità economica della faccenda. Bisogna capire se l’accordo parlamentare sulle modifiche possa avere le coperture economiche.

L’incremento di 110 milioni è stato motivato con la necessità di iniziare a colmare il gap con gli altri dipendenti della Pa. La cancellazione del vincolo di destinazione, fermo restando l’obbligo di utilizzo per retribuire i docenti, apre nuovi scenari.

Non è finita qui: si spera di far rientrare anche norme sull’abolizione dei vincoli di mobilità, quella sui percorsi di abilitazione per i precari e l’accesso diretto degli insegnanti con tre anni di servizio ai percorsi di specializzazione. Oppure l’inserimento di una norma che permetta di assumere da prima fascia Gps sul sostegno.

DOSSIER ISTRUZIONE

TESTO COMPLETO

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA

Legge di bilancio, dai fondi della valorizzazione professionale alla proroga organico covid ATA: ecco cosa può cambiare per la scuola

WhatsApp
Telegram

Concorso a cattedra ordinario secondaria, il corso Orizzonte Scuola: aggiunte nuove simulazioni di prova orale da scaricare. Simulatore EDISES per la prova scritta. Solo 150 EURO